Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Comunali Mantova, il trionfo di Mattia Palazzi: riconfermato sindaco con oltre il 70% di preferenze

Immagine di copertina

Non si è ancora concluso lo spoglio dei voti per le elezioni a sindaco nel Comune di Mantova, ma quello che si sta delineando è un vero e proprio plebiscito per il sindaco uscente e candidato del centrosinistra Mattia Palazzi. Secondo gli exit poll, e quando sono state scrutinate 25 sezioni su 46, il consenso per Palazzi si attesta al 70%, contro il 22,6% del candidato del centrodestra Stefano Rossi. Gloria Costani, con la sua lista civica sostenuta dal Movimento 5 Stelle, è intorno al 4,6%. Non superano lo sbarramento tutti gli altri candidati.

Mattia Palazzi ha 42 anni, è diventato sindaco per la prima volta cinque anni fa, il 15 giugno 2015. E oggi, con un risultato oltre le aspettative, viene riconfermato alla guida di Mantova lasciando poco più che briciole al centrodestra e ancor meno ai 5 Stelle.Palazzi ha una formazione scout, diventa consigliere comunale a 22 anni, assessore al Welfare e alle politiche giovanili a 30, mantenendo l’impegno attivo anche negli organi dirigenti locali del suo partito.

Nel 2015, quando si presenta la prima volta come candidato sindaco, si trova di fronte un nome di peso, Paola Bulbarelli, che batte al ballottaggio con il 62,56 per cento dei voti, strappando Mantova al centrodestra che l’aveva conquistata alla tornata precedente. Fuori dalla politica si è occupato di progetti di cooperazione internazionale, con l’Arci – e anche di questa è stato un dirigente – e in programmi promossi dalle Nazioni Unite, e si è sempre definito un allievo del politico pacifista Tom Benetollo.

“Meglio non commentare questi dati e aspettare quelli ufficiali. Certo le proiezioni, se confermate, sarebbero importanti, ma faremo le nostre valutazioni quando sapremo i risultati con certezza”, ha commentato Palazzi contattato dall’agenzia Dire.

Leggi anche:
– Regionali, 3 scenari per il dopo-elezioni (di Luca Telese)
– Referendum, perché votare Sì contro l’establishment e la monarchia editoriale (di Alessandro Di Battista)
– Referendum, Francesco Merlo a TPI: “Votare no per fermare i progetti eversivi del M5s e della destra”
– Giovani per il No, over 50 per il Sì: il paradosso generazionale sul referendum
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S