Me
HomePolitica

Casa contestata, l’ex ministra Trenta annuncia: “Lascio l’abitazione”

Di Donato De Sena
Pubblicato il 19 Nov. 2019 alle 09:36 Aggiornato il 19 Nov. 2019 alle 09:54
Immagine di copertina

L’ex ministra Trenta lascia la casa di servizio affidata al marito militare

L’ex ministra Elisabetta Trenta ha annunciato la rinuncia alla casa della Difesa. Oggi, martedì 19 novembre 2019, in un’intervista rilasciata a Radio 24 ha dichiarato: “Mio marito, pur essendo tutto regolare, e sentendosi in imbarazzo, per salvaguardare la famiglia ha presentato istanza di rinuncia per l’alloggio”.

“Lasceremo l’appartamento nel tempo che ci sarà dato per fare un trasloco e mettere a posto la mia vita da un’altra parte. Sono una cittadina come gli altri, chiedo e pretendo rispetto”, ha aggiunto l’ex ministra Trenta sfogandosi per le polemiche che l’hanno travolta a causa quell’alloggio di servizio passato da lei, ministra (con casa di proprietà a Roma), al marito militare.

La casa affidata al marito è un benefit rivendicato con forza in virtù della regolarità delle procedure. L’immobile ha una superficie di 180 metri quadrati, si trova in centro a Roma, in zona San Giovanni, è affidato per 540 euro al mese.

Trenta ha dichiarato: “Non ho violato nessuna legge è tutto in regola, mi sono attenuta alle regole. Hanno speculato sulla mia privacy. Forse da ministro ho dato fastidio a qualcuno, non lo so, ma non voglio alimentare polemiche, sono una donna di Stato”.

L’ex ministra è stata chiamata anche ad esprimersi sul Movimento 5 Stelle, che in questa vicenda della casa, l’ha scaricata. “Non sono stata trattata bene, ma io nei valori del Movimento ci credo e non ho nessuna intenzione di abbandonarlo”, ha affermato. E ha aggiunto: “Prendermi una pausa di riflessione da Movimento? Chissà, magari me la prendo”.

Leggi anche:

Casa dell’ex ministro Trenta al marito, la Procura militare di Roma apre un fascicolo. Lei si difende: “È tutto regolare”

Di Maio: “È inaccettabile che la ex ministra Trenta rimanga in quella casa: deve lasciarla”

No cara ex ministra Trenta, la politica non è mantenere privilegi a vita a spese dei cittadini (di Elisa Serafini)