Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“In natura due mamme non esistono”: l’esposto di Giovanardi contro l’episodio “arcobaleno” di Peppa Pig

Immagine di copertina

L’esposto di Carlo Giovanardi contro l’episodio “arcobaleno” di Peppa Pig

L’ex ministro per i rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi e l’ex presidente del Forum Famiglie Luisa Santolini hanno presentato un esposto per chiedere di vietare alla Rai la messa in onda della puntata “arcobaleno” di Peppa Pig in cui viene presentata una famiglia di orsi polari composta da due mamme.

“Non possono esistere né in natura né legalmente due mamme” è la motivazione fornita dai due, che hanno presentato Comitato di applicazione del codice di autoregolamentazione media e minori del ministero dello Sviluppo economico.

Giovanardi e Santolini, oltre a considerare contronatura il fatto che un figlio non possa avere due genitori dello stesso sesso, menzionano anche l’utero in affitto che “è reato penalmente perseguibile”.

“In Italia – sostengono Giovanardi e Santolini – la fecondazione eterologa è permessa soltanto tra un uomo ed una donna mentre il ricorso al cosiddetto utero in affitto è reato penalmente perseguibile: pertanto non possono esistere né in natura né legalmente due mamme, mentre nella realtà per concepire un figlio esiste un padre di cui si è utilizzato il patrimonio genetico. Le leggi in vigore in Italia devono essere rispettate e spetta al Parlamento eventualmente cambiarle e non ai cartoni animati, specialmente se questi ultimi sono rivolti alle vere vittime di queste palesi illegalità”.

I due esponenti politici vanno ad aggiungersi alla schiera di coloro che hanno già protestato per la puntata, dal titolo Famiglia, tra cui figura anche il responsabile cultura di Fratelli d’Italia, Federico Mollicone, che ha giudicato “inaccettabile” l’episodio aggiungendo: “Ancora una volta il politicamente corretto ha colpito e a farne le spese sono i nostri figli”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Ti potrebbe interessare
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Politica / Totoministri, Meloni chiude a Salvini: non avrà il Viminale o altri ministeri chiave
Politica / La sorella di Giorgia Meloni: "Non è vero che è contro l'aborto"
Politica / La mamma di Giorgia Meloni: "Ora tolga subito la vergogna del Rdc"
Politica / Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni: "Dal Nord messaggio chiaro, va ascoltato". Maroni: "Alla Lega serve un nuovo segretario"
Politica / Salvini: "Abbiamo pagato sostegno a Draghi ma non mi dimetto"