Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Carcere per i grandi evasori, Bonafede annuncia: “Il provvedimento è pronto, lo portiamo in Cdm”

Immagine di copertina
Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

Il ministro della Giustizia: "Siamo alla conclusione, prevista anche la confisca per sproporzione"

Carcere per gli evasori in Cdm

La norma per il carcere per i grandi evasori si avvicina. Oggi, domenica 20 ottobre 2019, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha annunciato che il provvedimento, per la parte che riguarda il decreto fiscale, “è pronto” e sarà portato domani in Consiglio dei ministri. “Dobbiamo decidere – ha spiegato il Guardasigilli – quale parte far entrare subito e quale in sede di conversione e comunque entro 60 giorni”.

“Il pacchetto sul carcere per i grandi evasori è pronto”, ha dichiarato il ministro Bonafede rispondendo all’Ansa a Perugia dove con la famiglia ha fatto una visita privata tra gli stand di Eurochocolate. “Dopo l’incontro dell’altro ieri a Palazzo Chigi con le altre forze politiche di maggioranza siamo già andati avanti e siamo praticamente alla conclusione e domani dovremmo avere nel dettaglio la norma”, ha aggiunto.

“Domani dovremmo avere nel dettaglio – ha spiegato ancora il ministro della Giustizia – la norma che riguarda il carcere ai grandi evasori e anche la confisca per sproporzione. Ancora non sappiamo se entrerà tutto nel decreto fiscale. Potrebbe infatti entrare anche nell’emendamento e quindi in corsa, in sede di conversione. Al di là di questo l’importante è che domani abbiamo il pacchetto sul carcere e la confisca per sproporzione per i grandi evasori”.

Le tre proposte “imprescindibili” del M5S

Il carcere per i grandi evasori è un provvedimento fortemente caro al Movimento 5 Stelle, uno dei principali punti del programma dei pentastellati. Oggi il capo politico del M5S Luigi Di Maio lo ha indicato riepilogando le tre proposte del Movimento considerate “imprescindibili”

“La prima – ha detto il ministro degli Esteri – è il carcere agli evasori e la confisca per sproporzione ai grandi evasori significa che chi evade più di 100 mila euro all’anno verrà punito seriamente con il carcere e bisogna confiscargli più di quanto ha evaso”, ha detto il ministro.

“Secondo punto: per me – ha proseguito Di Maio – vanno bene le multe ai commercianti che non utilizzano il pos, ma se gli abbattiamo i costi del pos, i costi delle carte, perché altrimenti rischiamo di trovarci in una situazione in cui introduciamo una nuova tassa per i commercianti, non una multa”.

“E poi il terzo punto per noi importante è che le partite Iva continuino a pagare solo il 15% di tasse, cosa che non è così, in questa manovra gli si alzano le tasse”, ha concluso.

Di Maio risponde a Renzi: “L’epoca dei voltagabbana deve finire”

Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “La nostra piazza più forte di loro”