Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda: “Renzi? I partiti fatti in poche settimane non funzionano mai”

 

 

Calenda: “Renzi? I partiti fatti in poche settimane non funzionano mai”

Italia Viva? “Le cose che si fanno in poche settimane non funzionano mai, ma è la mia opinione”. Lo dice Carlo Calenda, leader di Siamo Europei, intervistato a margine della presentazione di un libro alla Galleria Alberto Sordi, pochi metri da Montecitorio.

“Renzi ha fatto la scelta di appoggiare questo governo e poi uscire con i suoi parlamentari, io invece ho fatto la scelta di uscire per non appoggiare questo governo senza parlamentari e facendo un percorso diverso di natura politica, perché non credo si debba partire dal parlamento”, sottolinea Calenda.

“Con Siamo Europei lanceremo a inizio dicembre il tesseramento e il nuovo nome. Stiamo lavorando per costruire la struttura e il progetto Sanità”, spiega. “Facciamo le cose con calma, senza cercare di andare a prendere parlamentari, insieme ad amministratori locali e persone capaci nei loro settori, come Walter Ricciardi”.

Sulla Nota di aggiornamento al Def Calenda è critico. “È un documento molto vuoto”, osserva. “Contiene il disinnesco dell’Iva ma non si capisce se per sempre o se è solo uno spostamento. Non c’è nulla sulla scuola, nulla sulla Sanità, nulla sugli investimenti. Queste erano le priorità del Pd, evidentemente se le sono scordate”.

Ius culturae? “Io sono favorevole, ma contemporaneamente bisogna fare i rimpatri volontari, che sono gli unici che funzionano, perché dobbiamo dare l’idea che si lavora sia quando si fa rispettare la legge sia quando si integra”.

Quanto ai dazi imposti dagli Usa, secondo Calenda siamo davanti a un “problema gigantesco, una cosa enorme”. “Non solo per l’impatto diretto che avrà sulla riduzione dell’ingresso delle merci negli Usa, ma anche per il crollo del prezzo dei prodotti sugli altri mercati”. “Se avessimo avuto un Governo degno di questo nome non saremmo arrivati a questo punto”, sottolinea l’eurodeputato ex Pd. “Si capiva che si stava andando lì e si sarebbe dovuto lavorare per evitare che fossero inclusi i nostri prodotti, anche perché noi con Airbus non c’entriamo nulla”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Giustizia, Nordio contro le intercettazioni: “Strumento micidiale, serve una profonda revisione”
Politica / Mattarella: “Per il Pnrr bisogna onorare l’impegno con l’Ue nonostante le difficoltà”
Politica / Fazzolari: “La sinistra finalmente unita, ma per pagare il taxi o l’aperitivo col pos”
Ti potrebbe interessare
Politica / Giustizia, Nordio contro le intercettazioni: “Strumento micidiale, serve una profonda revisione”
Politica / Mattarella: “Per il Pnrr bisogna onorare l’impegno con l’Ue nonostante le difficoltà”
Politica / Fazzolari: “La sinistra finalmente unita, ma per pagare il taxi o l’aperitivo col pos”
Politica / Meloni difende la manovra, ma sul pos è pronta a cedere all’Ue per non rischiare i soldi del Recovery Fund
Economia / Il governo attacca Banca d’Italia dopo le critiche alla manovra. Fazzolari: “Esprime la visione delle banche”
Politica / Salvini contro lo stop Ue alle auto a benzina e diesel dal 2035: “Da rivedere, non ha senso”
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Politica / Elly Schlein scioglie la riserva e si candida alla segreteria del Pd: “Diseguaglianze, clima e precarietà siano le priorità”
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”