Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda contro l’incarico di Gozi in Francia: “Non si entra in un governo straniero”

Immagine di copertina
Sandro Gozi e Carlo Calenda

L'ex ministro critica il collega di partito per la carica che andrà ad assumere a Parigi

Calenda contro Gozi per l’incarico in Francia

Carlo Calenda si schiera contro Sandro Gozi per l’incarico in Francia nel governo Macron. “Non si entra in un Governo straniero. Non si tratta di un gruppo di lavoro, ma di ricoprire per due mesi nel Governo Francese la carica che ha ricoperto nel nostro Governo, conoscendo posizioni e interessi anche riservati non sempre coincidenti”. Questo il perentorio attacco dell’ex ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda nei confronti dell’ex sottosegretario Sandro Gozi (Pd) per l’incarico ottenuto di responsabile per gli Affari europei del premier francese Edouard Philippe.

Calenda contro Gozi

“Semplicemente non esiste”, aggiunge poi Calenda nel tweet. Dunque contro il sottosegretario non c’è più solo il vice premier Luigi Di Maio, che oggi ha minacciato di togliere la cittadinanza italiana a Gozi, ma anche l’europeista dem Calenda.

La risposta di Ivan Scalfarotto

Molti i commenti sotto al tweet di Carlo Calenda, tra questi anche l’esponente Pd Ivan Scalfarotto, che redarguisce l’ex ministro dello Sviluppo Economico dicendo che il ruolo di Gozi è un “ruolo da consulente”.

La minaccia di Di Maio

Il vice premier grillino questa mattina ha dichiarato: “Tu lavori per il governo, rappresenti e servi lo Stato italiano e poi a un certo punto lo tradisci e ti vai ad arruolare nelle fila di un altro governo come responsabile della politica europea del governo Macron”. Poi Di Maio ha proseguito: “Nulla contro la Francia ma bisogna valutare se togliergli la cittadinanza”.

Per Di Maio è “inquietante” che “un nostro sottosegretario adesso diventa esponente di un governo con cui abbiamo molte cose in comune ma anche interessi confliggenti”.

> Di Maio: “Bisogna valutare se togliere la cittadinanza a Sandro Gozi”

La posizione di Salvini

Anche l’altro vicepremier, Matteo Salvini, ha pronunciato parole forti. Sulla pagina Facebook del leader della Lega due giorni fa è comparso il messaggio: “Gozi, già sottosegretario agli affari europei con Renzi e Gentiloni, con la benedizione di Macron viene ora nominato, stesso ruolo, nel governo francese! Immaginate di chi facesse gli interessi questo personaggio quando era nel governo italiano… Pazzesco, questo è il Pd!”.

> La revoca della cittadinanza a Gozi chiesta da Di Maio non è solo propaganda. È anche fuorilegge: per 2 motivi (di L.Tosa)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Un po’ di coraggio! Diamo il diritto di voto ai sedicenni
Opinioni / Altro che nazionalizzazioni: Giorgia vende tutto
Politica / Morta Marisa Rodano, ultima deputata della prima legislatura: aveva 102 anni
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Un po’ di coraggio! Diamo il diritto di voto ai sedicenni
Opinioni / Altro che nazionalizzazioni: Giorgia vende tutto
Politica / Morta Marisa Rodano, ultima deputata della prima legislatura: aveva 102 anni
Opinioni / La sinistra assiste impotente al crollo della separazione tra i poteri
Politica / Carne coltivata, Mattarella non firma il ddl: prima servirà il via libera di Bruxelles
Politica / La locandina promozionale apparsa sui social di Atreju, kermesse di FdI, e l’ironia di Luxuria
Politica / Delmastro rinviato a giudizio: li sottosegretario andrà a processo per il caso Cospito
Politica / Expo, la rabbia di Gualtieri: “Avevamo delle lettere di impegno da Paesi che alla fine non ci hanno votato”
Politica / La Russa: “Volevo fare una cosa diversa, volevo fare il ministro dello Sport per andare contro la Juve”
Politica / Giorgia Meloni: “Sinistra condanni la violenza contro Pro Vita”