Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Sandro Gozi (Pd) entra nel gabinetto del premier francese Philippe, come responsabile per gli Affari europei

Immagine di copertina
Credit: Ansa / Maurizio Brambatti

Un incarico di prestigio per l'ex sottosegretario dei governi Renzi e Gentiloni

Sandro Gozi (Pd) entra nel gabinetto del premier francese Philippe

Sandro Gozi, esponente del Partito Democratico ed ex sottosegretario agli Affari Ue nei governi Renzi e Gentiloni, candidato all’Europarlamento con Renaissance Europe, il partito di Emmanuel Macron, entrerà nel Gabinetto del premier francese Edouard Philippe in qualità di responsabile per gli Affari europei.

> I risultati delle Elezioni Europee 2019 in Francia

La notizia è stata anticipata dal giornale transalpino Le Figaro e confermata da fonti italiane. Gozi, si legge su Le Figaro, dovrebbe rimanere a Matignon, la sede del primo ministro a Parigi, in attesa di prendere il suo posto al Parlamento europeo, dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. L’europarlamentare avrà il compito di monitorare la creazione di nuove istituzioni europee e le relazioni con il Parlamento Ue, operando in stretta collaborazione con il Segretariato generale per gli Affari Europei.

Chi è Sandro Gozi

Sandro Gozi, 51 anni, dottorato di ricerca in diritto pubblico, ha alle spalle numerosi incarichi diplomatici e politici. Nel 1995 iniziò a lavorare al Ministero affari esteri Italiano e l’anno seguente presso la Commissione Europea. Nel 1997 partecipò ai negoziati sul Trattato di Amsterdam. Nel 2001 fu nominato Coordinatore per il Patto di Stabilità.

Tra il 2000 e il 2004 fu assistente politico e membro del Gabinetto del Presidente della Commissione europea Romano Prodi. Tra il 2004 al 2005 invece consigliere politico del Presidente della Commissione europea José Barroso. Nel 2005 fu consigliere diplomatico del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. L’anno seguente poi membro del comitato elettorale campagna elezioni politiche di Romano Prodi, e vicesegretario generale del Partito Democratico Europeo.

È stato deputato per tre legislature, dal 2006 al 2013, eletto nelle fila di Ulivo e Pd. È stato capogruppo nella Commissione parlamentare Politiche dell’Unione Europea. Nel 2012 annunciò la candidatura, poi ritirata, alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato premier alle Elezioni Politiche 2013.

Ti potrebbe interessare
Politica / Franco Di Mare in Vigilanza: "Da Fedez c'è stata manipolazione"
Politica / Salvini difende Renzi: "Polemica inesistente, io ho visto decine di agenti segreti"
Politica / Il ritorno di Gallera: nominato presidente della Commissione bilancio
Ti potrebbe interessare
Politica / Franco Di Mare in Vigilanza: "Da Fedez c'è stata manipolazione"
Politica / Salvini difende Renzi: "Polemica inesistente, io ho visto decine di agenti segreti"
Politica / Il ritorno di Gallera: nominato presidente della Commissione bilancio
Opinioni / Caro Conte, anche tu hai tenuto i porti chiusi (di G. Cavalli)
Politica / Il ritorno dei giallorossi: Pd e M5S uniti contro la Lega sul Ddl Zan
Politica / Nomine Rai, Draghi pronto a intervenire se i partiti non sceglieranno figure all’altezza
Politica / Renzi: "Punti oscuri nella storia di Report"
Politica / Qui Radio Colle, Quirinale irritato coi partiti: la riforma della magistratura tocca a loro
Politica / Draghi: "È ora di prenotare le vacanze. Da metà maggio green pass per viaggiare in Italia"
Politica / Letta vede Draghi e attacca la Lega. Salvini: "Mi spiace per lui, vive male"