Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Bonus Inps, il leghista Dara si difende: “Non sapevo nulla, i 600 euro chiesti da mia madre”

Immagine di copertina
Andrea Dara Credits: CAMERA DEI DEPUTATI

Arriva l'assurda giustificazione del leghista dopo i controlli del commercialista

La Lega ha sospeso ieri, 12 agosto, due deputati per aver chiesto e ricevuto il bonus da 600 euro erogato dall’Inps per le partite Iva in difficoltà durante l’emergenza Covid-19. I due nomi sono quelli di Andrea Dara ed Elena Murelli. Dopo la conferma arrivata dal Carroccio stesso, in queste ore emergono le giustificazioni dei due. Soprattutto quella di Dara, che sostiene di non aver chiesto direttamente lui il bonus e di non sapere che, invece, lo ha fatto sua madre, che con lui gestisce la sua azienda.

La giustificazione di Dara

È il Corriere della Sera a riportare la versione del deputato leghista. Che avrebbe detto al suo partito che la richiesta è stata fatta dalla madre, che gestisce con lui l’azienda di cui è titolare al 60 per cento. Dara sostiene di non essersi accorto dell’accredito sul conto corrente aziendale e che la domanda sarebbe stata inviata dallo studio del commercialista che segue gli affari della sua società. “Comprendo la scelta del partito, mi assumo la responsabilità di quanto accaduto, anche se non sono stato direttamente io”, avrebbe dichiarato. Aggiungendo di non voler cercare giustificazioni.

Chi è Andrea Dara

Andrea Dara ha 41 anni, è un imprenditore tessile di Castel Goffredo, nel mantovano, e ha una fabbrica che produce calze a Castiglione delle Stiviere. La sua carriera politica è iniziata come consigliere comunale di Castiglione, dove poi è anche diventato vicesindaco. Fino alla sua elezione alla Camera nel 2018. Il reddito denunciato lo scorso anno è di 109mila euro. Secondo quanto fa sapere la Lega, Dara avrebbe scoperto di aver chiesto il bonus solo quando il suo partito ha chiesto di effettuare un controllo con i propri commercialisti.

Leggi anche: Scandalo bonus Inps, la Lega sospende i deputati “furbetti” Dara e Murelli

Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Ti potrebbe interessare
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale