Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Berlusconi si ritira dalla corsa per il Quirinale, decisivo il parere della famiglia: “Era il mio sogno da bambino”

Immagine di copertina

Berlusconi rinuncia al Quirinale: “Era il mio sogno da bambino”

“Era il mio sogno da bambino”: è quanto avrebbe confidato Silvio Berlusconi a chi gli chiedeva perché insistesse a volere a tutti i costi correre per il Quirinale prima di fare un passo indietro, così come dichiarato ufficialmente nella giornata di sabato 22 gennaio attraverso una nota ufficiale letta nel corso del vertice del centrodestra dalla senatrice di Forza Italia Licia Ronzulli.

A svelare il retroscena è il Corriere della Sera, secondo cui in un tema delle elementari conservato dalla mamma del Cavaliere, il giovane Silvio scriveva di voler “diventare presidente della Repubblica” così come raccontato dallo stesso Berlusconi ad alcuni parlamentari.

Secondo lo stesso retroscena, a convincere Berlusconi a fare un passo indietro è stata la sua famiglia, in particolar modo la primogenita Marina, sempre più preoccupata per le condizioni di salute del padre.

Reduce dal Covid e da alcuni problemi al cuore, Marina avrebbe convinto il padre a desistere dall’affrontare altri giorni di notti insonni e di stress fisico con il rischio, oltretutto, di vedere il suo sogno infranto nel segreto dell’urna, “impallinato” dal fuoco amico.

Così la decisione di fare un passo indietro con un ultimo colpo di teatro: il no a Draghi al Quirinale che ora rischia di rompere la coalizione.

Un messaggio che Berlusconi ha voluto mandare a tutti gli alleati: lui potrà anche rinunciare al suo sogno, ma di certo non accetterà un nome che a lui non sia gradito.

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”