Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Balotelli contro il primo senatore nero eletto con la Lega: “Vergogna!”

Immagine di copertina
Mario Balotelli / Afp photo / Gabriel Bouys

Attraverso una "story" pubblicata sul proprio profilo Instagram, il calciatore del Nizza si è scagliato contro Toni Iwobi, iscritto alla Lega da 25 anni, dal 2014 responsabile federale del Dipartimento Immigrazione del Carroccio

Tramite il proprio profilo Instagram, Mario Balotelli ha espresso la sua opinione riguardo all’elezione del primo senatore nero nella storia della Repubblica italiana, avvenuta tra le file della Lega.

“Forse sono cieco io o forse non gliel’hanno detto ancora che è nero. Ma vergogna!!!”, ha scritto Balotelli sul popolare social network rivolgendosi a Toni Iwobi, 62 anni, dal 2014 responsabile federale del Dipartimento Immigrazione del Carroccio.

Questo il post pubblicato da Balotelli nelle “story” di Instagram:

Iwobi è iscritto alla Lega da 25 anni, è di origine nigeriana ed è arrivato in Italia circa 30 anni fa, tramite un permesso di soggiorno per motivi di studio all’università di Perugia. 

Al centro del messaggio del calciatore, che attualmente milita nel Nizza, campeggia una foto che ritrae il neo senatore sul palco di un comizio della Lega insieme a Matteo Salvini.

Nell’immagine i due si stringono le mani alzate al cielo in segno di vittoria e indossano una t-shirt con la scritta rossa: “Stop invasione”.

Il segretario federale della Lega ha risposto a stretto giro di posta all’attaccante di origini ghanesi: “Balotelli non mi piaceva in campo, mi piace ancor meno fuori dal campo”, le sue parole.

Anche il diretto interessato, Iwobi, ha voluto replicare alle parole di Balotelli, usando parole più morbide rispetto a quelle del suo leader.

In un’intervista rilasciata a Radio Capital, ha dichiarato: “Balotelli? Preferisco ignorarlo, in questo momento. Non mi interessa quello che scrive, ne ho abbastanza delle polemiche: voglio pensare al mio territorio e al nuovo compito che mi hanno affidato”.

“Lui è un grande giocatore e rimarrà tale, spero che si limiti a fare il suo bel lavoro, visto che è portato a farlo”, ha commentato Iwobi.

“Io ho due squadre del cuore: l’Atalanta e l’Inter. Se Balotelli giocasse nella mia squadra del cuore, certo tiferei per lui. Quando è andato al Milan ci sono rimasto male, visto che sono interista. La Lega razzista? Non lo è, lo dite voi”, ha concluso.

Leggi anche: Il primo senatore nero d’Italia è stato eletto con la Lega

Leggi anche: Il programma elettorale della Lega

Leggi anche: Salvini apre “alle forze di sinistra che guardano alla Lega”

Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna
Cronaca / Omicidio Desirée Mariottini, Salvini contro gli imputati: “Criminali che meritano la galera”
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna
Cronaca / Omicidio Desirée Mariottini, Salvini contro gli imputati: “Criminali che meritano la galera”
Politica / Primarie centrosinistra Roma e Bologna oggi: candidati, come si vota, seggi
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Politica / Calabria: Pd, M5S e Leu candidano Maria Ventura, l’imprenditrice attivista Unicef
Politica / Amici, parenti e sconfitti delle regionali: così in Calabria si spartiscono le poltrone per gli enti pubblici