Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Assemblea Pd, Letta: “Dobbiamo costruire un nuovo centrosinistra che dialoghi con il M5S. Su Zaki governo dia seguito a richiesta di cittadinanza”

Immagine di copertina

Assemblea Pd, Letta: “Costruire un nuovo centrosinistra che dialoghi con M5S”

“Costruire un nuovo centrosinistra che dialoghi anche con il M5S”: è questo l’obiettivo fissato da Enrico Letta nell’assemblea Pd, che si è riunita online nella mattinata di sabato 17 aprile per discutere i risultati del sondaggio indetto fra i circoli.

“Le alleanze – ha dichiarato il segretario Pd – le costruiremo. Le amministrative saranno un primo test per l’avvicinamento. Sulle alleanze siamo in una fase di percorso e l’obiettivo è quello di un nuovo centrosinistra, guidato da noi, attorno a noi, che dialoga con il M5S”.

“Il tema delle alleanze – ha aggiunto Letta – si consolida anche con il sostegno al governo Draghi”. Sostegno all’esecutivo che passa anche dalla difesa del ministro della Salute Speranza: “Al ministro Speranza va non soltanto il nostro sostegno, ma molto di più. Sta facendo un grande lavoro ed è il lavoro di tutti noi”.

Il segretario dem ha poi rivelato di aver chiesto al premier Draghi, nel corso dell’incontro sul Recovery Plan, di aver insistito su un “paio di punti particolari” a partire dal “ruolo dei Comuni”.

“Abbiamo fortemente chiesto al governo di dare più protagonismo ai comuni. E poi mi piace citare un punto del quale abbiamo fatto menzione con il premier Draghi, la questione della non autosufficienza”.

“Serve un welfare che sia in grado di aiutare le famiglie che si trovano ad affrontare la sfida della non autosufficienza” ha dichiarato Letta aprendo l’assemblea nazionale del Pd.

Letta è tornato anche sul tema della cittadinanza a Patrick Zaki, vicenda bollata da Draghi nel corso della conferenza stampa di venerdì 16 aprile sulle riaperture come “un’iniziativa parlamentare in cui il governo non è coinvolto al momento”.

“Abbiamo fatto molto in questo mese sul tema dei diritti – ha affermato il segretario dem – Sono molto soddisfatto che sul tema della cittadinanza italiana a Patrick Zaki il Parlamento abbia dato un segnale importante. Chiediamo al governo di dare seguito alla decisione sulla cittadinanza italiana a Patrick Zaki”.

Leggi anche: Letta: “Non escludo alleanze con Berlusconi”

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, conclusa la discussione in Senato: Casellati ammette la “tagliola”. Calderoli: “Meglio lo stop che una porcata”
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, conclusa la discussione in Senato: Casellati ammette la “tagliola”. Calderoli: “Meglio lo stop che una porcata”
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”
Politica / Ciaccheri: il Municipio VIII incontra delegazione Zapatista
Politica / I sospetti di Palazzo Chigi su Letta: “Vuole logorare Draghi per impedirgli di andare al Quirinale”
Politica / Deputato M5S chiede a Draghi di salvare l’orario di “Un posto al sole”
Politica / Paghi uno e prendi tre? Il governo compra tre elicotteri, ma sbaglia i conti