Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Draghi: “Cittadinanza a Zaki? È un’iniziativa del Parlamento”. Amnesty: “Brutto segnale”

Immagine di copertina

Draghi: “Cittadinanza a Zaki? È un’iniziativa del Parlamento”. Amnesty: “Brutto segnale”

Durante la conferenza stampa sulle riaperture organizzata oggi a Palazzo Chigi, il premier Mario Draghi ha tagliato corto su Patrick Zaki. Al cronista che gli ha chiesto se il governo concederà la cittadinanza italiana al ricercatore egiziano dell’Università di Bologna dopo il sì del Senato, Draghi ha risposto: “È una domanda fuori sacco. Quella su Patrick Zaki è un’iniziativa parlamentare in cui il governo non è coinvolto al momento”.

Ad alcuni è sembrato che, con quelle parole, il premier abbia voluto prendere le distanze dall’iniziativa di Palazzo Madama, che solo due giorni fa ha approvato l’ordine del giorno con cui chiede all’esecutivo di impegnarsi per concedere la cittadinanza italiana a Zaki. “Spero ci sarà più attenzione per le iniziative del Parlamento, apparentemente oggi derubricate alla voce ‘varie ed eventuali’ “, ha dichiarato Giuseppe Brescia, presidente grillino della commissione Affari costituzionali della Camera. Duro anche il commento del portavoce di Amnesty International Riccardo Noury, che ha visto nelle parole del premier “un brutto segnale”. “Il governo in aula al Senato si è impegnato, con tutte le riserve del caso, ma si è impegnato a concedere la cittadinanza. Se ora si tira indietro dopo due giorni è un brutto segnale francamente”, ha dichiarato Noury,

“Il governo deve fare la sua parte”, ha scritto su Twitter il deputato del Pd Filippo Sensi. Più ottimista il senatore dem Francesco Verducci firmatario della mozione che, accorpata a quella presentata dal M5S, è stata votata in Senato quasi all’unanimità, con 208 sì e 33 astensioni. “Il governo ha espresso parere positivo sull’ordine del giorno per la cittadinanza a Zaky e l’auspicio di tutti è che quanto prima dia seguito ad atto così rilevante e pressante del Senato”, ha commentato Verducci, ricordando anche che la petizione per chiedere che l’Italia conceda la cittadinanza a Zaki, detenuto in Egitto da più di un anno con l’accusa di “propaganda sovversiva” e senza possibilità di ottenere un giusto processo, è stata sottoscritta da oltre 200mila cittadini. 

“Mi spiace contraddire il presidente del Consiglio, ma il voto del Senato sull’odg impegna il governo su 5 punti a partire dal conferimento della cittadinanza italiana. Non voglio neanche per un momento pensare che all’interno della maggioranza che sostiene questo governo, si sia voluto fare solo un po’ di propaganda sul dramma che sta vivendo il giovane universitario incarcerato ingiustamente”, ha osservato il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni dopo la conferenza.

Critico anche il movimento delle Sardine, che negli ultimi mesi si è speso per la firma della petizione, promuovendo iniziative per chiedere la liberazione dello studente. “Le dichiarazioni del Presidente Draghi sulla mozione per Patrick Zaki sono gravissime. L’impegno è stato preso dal Governo e 48h ore dopo l’approvazione sentire quelle parole è davvero un brutto segnale. Siamo dispiaciuti. Serve coraggio non passi indietro”, fanno sapere dal movimento nato a Bologna, la città in cui Patrick Zaki stava frequentando l’Università prima di tornare al Cairo ed essere arrestato in aeroporto, l’8 febbraio del 2020.

Leggi anche: Il Senato ha votato Sì alla cittadinanza italiana a Patrick Zaki 2. Il messaggio di Patrick Zaky dal carcere: “Resisto, grazie per il supporto” 3. Con la cittadinanza italiana a Zaki Draghi non può più tacere: parli in difesa dei diritti umani in Egitto

Ti potrebbe interessare
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Cronaca / Fedez, il direttore di Rai3: "Valutiamo una querela". Il rapper non arretra: "Ho i mezzi per difendermi"
Politica / Franco Di Mare in Vigilanza: "Da Fedez c'è stata manipolazione"
Ti potrebbe interessare
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Cronaca / Fedez, il direttore di Rai3: "Valutiamo una querela". Il rapper non arretra: "Ho i mezzi per difendermi"
Politica / Franco Di Mare in Vigilanza: "Da Fedez c'è stata manipolazione"
Politica / Salvini difende Renzi: "Polemica inesistente, io ho visto decine di agenti segreti"
Politica / Il ritorno di Gallera: nominato presidente della Commissione bilancio
Opinioni / Caro Conte, anche tu hai tenuto i porti chiusi (di G. Cavalli)
Politica / Il ritorno dei giallorossi: Pd e M5S uniti contro la Lega sul Ddl Zan
Politica / Nomine Rai, Draghi pronto a intervenire se i partiti non sceglieranno figure all’altezza
Politica / Renzi: "Punti oscuri nella storia di Report"
Politica / Qui Radio Colle, Quirinale irritato coi partiti: la riforma della magistratura tocca a loro