Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Qui Radio Colle: il Quirinale infastidito per la votazione M5S su Rousseau

Immagine di copertina
Sergio Mattarella. Credit: Ansa

Al Colle non hanno per nulla preso bene la decisione di demandare alla votazione su Rousseau il via libera (o meno) all’ingresso dei 5 Stelle nel nascituro governo Draghi. Sebbene la vittoria del “Sì” venga data per acquista, al Quirinale temono però che una eventuale rilevante affermazione del “No” possa avere degli effetti a cascata anche negli altri partiti e riaprire delle ferite mai completamente chiuse, specialmente nel PD dove sottotraccia esistono ancora delle sacche di forte dissenso a far parte di una maggioranza insieme alla Lega.

Insomma, il rischio secondo gli uomini del Colle non sarebbe tanto sul risultato finale dove non vi sarebbero incertezze, quanto sull’aumento di dubbi e polemiche che potrebbero derivare da un rilevante risultato del no a Draghi e spezzare quel clima di positività che si è creato intorno all’ex banchiere Bce.

Ma c’è anche un’altra ragione per la quale la votazione pentastellata su Rosseuau sta mettendo a dura prova la pazienza del Quirinale: potrebbe causare ritardi nello scioglimento della riserva da parte del premier incaricato. Come abbiamo più volte scritto, anche se da un punto di vista formale Mattarella non ha dato scadenze temporali, l’obiettivo era quello di arrivare entro la fine di questa settimana alla nascita del nuovo esecutivo.

Il 15 febbraio, infatti, scade il decreto legge Covid che dispone il blocco degli spostamenti tra regioni gialle e per l’eventuale proroga non basta un Dpcm, ma serve un decreto legge. E, anche se l’esecutivo Conte è ancora in carica per gli affari correnti, si preferirebbe lasciare l’elaborazione del testo al nuovo governo.

La votazione su Rousseau, i cui risultati si sapranno solamente nella giornata di giovedì, rischia invece di ritardare tutto ciò. Senza contare poi le impellenze sanitarie, economiche e sociali legate alla pandemia per le quali Mattarella chiede di fare presto.

Leggi anche: 1. La rosa di Mario Draghi: ai partiti chiederà politici soft e non divisivi / 2. Ecco cosa si nasconde dietro la svolta della Lega su Draghi: qual è il vero obiettivo di Matteo Salvini

Ti potrebbe interessare
Politica / Crosetto a TPI: “La nostra fiamma è Giorgia Meloni, con lei Fdi arriverà al 30%. Io premier? Mai”
Politica / Covid, Renzi attacca Letta: "Noi con Draghi e Figluolo, tu con Arcuri e i russi"
Politica / Morto Niccolò Ghedini, senatore e avvocato storico di Silvio Berlusconi
Ti potrebbe interessare
Politica / Crosetto a TPI: “La nostra fiamma è Giorgia Meloni, con lei Fdi arriverà al 30%. Io premier? Mai”
Politica / Covid, Renzi attacca Letta: "Noi con Draghi e Figluolo, tu con Arcuri e i russi"
Politica / Morto Niccolò Ghedini, senatore e avvocato storico di Silvio Berlusconi
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Politica / Cottarelli: “Il presidenzialismo non mi piace, accentuerebbe la personalizzazione della politica”
Politica / Berlusconi: “Le sentenze di primo e secondo grado non saranno appellabili. Basta processi all’infinito”
Politica / Crisanti: “Salvini? Se avessimo dato retta a lui i morti per Covid sarebbero stati 300mila”
Politica / Conte: "Letta, Di Maio e Draghi volevano farmi fuori, i veri progressisti siamo noi"