Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La sobrietà del Veneto che non rinuncia a Vinitaly e non si piega al Coronavirus

Immagine di copertina

“Noi abbiamo l’alcool che ci protegge”. Era rimasta lì, a galleggiare nel web come una boa rossa in un giorno di mare grosso, la risposta dell’avventore di un bar di Vo Euganeo alla giornalista che lo incalzava sul suo stato di preoccupazione per il possibile focolaio di coronavirus.

Da quella battuta, che per una meravigliosa sinonimia è diventata virale, emergeva la vera preoccupazione dell’intervistato: che il ghiaccio del suo spritz si sciogliesse prima che la telecronista avesse finito di interpellarlo.

Abbiamo riso, tanto, ma non immaginavamo che una boutade involontaria diventasse, pochi giorni dopo, la vera linea programmatica della Regione Veneto nel contrasto al virus.

Il Vinitaly si farà. Lo annuncia a gran voce il direttore generale di Verona Fiere Giovanni Mantovani, con una decisione concertata assieme al sindaco di Verona Federico Sboarina e al governatore Luca Zaia.

Il mondo del vino saprà riportare ottimismo e forza all’economia italiana, secondo le parole degli organizzatori che no, non sono i tre ragazzi seduti al bar di Vo. L’alcool ci protegge, e guarisce le ferite al tessuto economico.

Il Vinitaly è praticamente l’unica manifestazione fieristica a non aver subito sospensione o slittamento. Tutte le altre, in qualsiasi regione focolaio o meno, sono state rinviate a data da destinarsi. Ma non il vino, non in Veneto.

D’altra parte, che l’alcool abbia un grande potere curativo, lo insegna la cultura popolare. Veneta, ovviamente. Negli studi medici regionali, al posto del giuramento d’Ippocrate, è appesa al muro la tavola dei rimedi più efficaci per una serie di patologie.

vinitaly

Vediamo quindi come per le patologie depressive sia più indicato un rosso corposo come il Cabernet Sauvignon, mentre per la stanchezza, spesso sintomo di immunodeficienza, vada meglio un bianco beverino come il Pinot. L’Amarone di Valpolicella, invece, si configura come una vera e propria panacea per tutti i mali, garanzia com’è di una vita sana e bella.

Il Vinitaly si farà, e molto probabilmente sarà il solito successo. È la faccia di una regione che non si vuole piegare, ma che non disdegna piegare il gomito. E chissà che, tra le tante degustazioni dei cento migliori vini italiani, non emerga qualche nuovo abbinamento eno-farmacologico specificamente pensato per la situazione sanitaria di questi giorni.

Ne propongo uno: Se ti se sta contagiato/en bicer de Torcolato. Se ti ghe el Virus corona/bevi el vino di Verona. Più chiaro di così.

P.s.: si scherza, ovviamente. Con questa decisione, i veneti che ironicamente amiamo disegnare come amanti del buon bere dimostrano di conoscere ben più di altri il valore della sobrietà. La sobrietà, ad esempio, è non farsi contagiare dalla sbronza collettiva di paura e psicosi, è riconoscere lucidamente che l’economia è un pilastro, e il buon senso pure. E che si può essere più sobri di tutti anche con uno spritz in mano.

Leggi anche:

Roberto Burioni non ha sempre ragione (di Piero Sevolta)

Ti potrebbe interessare
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Ti potrebbe interessare
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Costume / Come fare una fattura elettronica: guida alla compilazione
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Costume / A cos* serv* l* schwa: è davvero necessario un nuovo segno scritto per includere tutti?
Costume / Casinò online: le differenze normative negli Stati Europei