Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Tutti lavorano alle elezioni anticipate ma nessuno lo dice: le danze avranno inizio col nuovo Capo dello Stato

Immagine di copertina

Ufficialmente fanno una cosa (giurano che non si stia parlando del Quirinale né che qualcuno stia pensando alle elezioni anticipate) ma ufficiosamente ne fanno un’altra. Sapete che novità c’è? L’anno prossimo si vota. È quello a cui puntano Enrico Letta, Matteo Salvini e Giuseppe Conte che ne stanno già parlando, o meglio, stanno mandando avanti i rispettivi sherpa attraverso incontri riservatissimi per preparare il terreno: le trattative sono già iniziate per andare al voto subito dopo l’elezione del nuovo capo dello stato, meglio se sarà Mario Draghi. La cosa faciliterà il compito.

Gli emissari dei rispettivi partiti sono già al lavoro e stanno preparando il terreno. Meglio però, almeno per il momento, tenere la cosa riservata altrimenti i parlamentari si ribellerebbero (la linea prescelta è di parlarne solo a partire da gennaio in concomitanza con l’elezione per il Colle; le due partite si intrecceranno). I contatti sono già ben avviati. Si eviterebbe di votare ad aprile. Meglio aspettare l’ottenimento della pensione da parte dei parlamentari, cioè dopo l’estate. Così non farebbero storie.

Le elezioni anticipate convengono a tutti: al centrodestra per bloccare l’emorragia di consensi e provare a riprendere in mano lo scettro del paese, ad Enrico Letta perché è convintissimo di poter prendere in contropiede Salvini e Meloni e quindi batterli, addirittura presentandosi come candidato premier (è questa l’idea che gli frulla per la testa dalle 15 di lunedì scorso). Anche Giuseppe Conte è d’accordo, sempre più convinto che soltanto compilando le liste elettorali potrà ripulire il movimento e farlo rinascere a sua immagine e somiglianza. Per non parlare poi del presidente del Consiglio: Mario Draghi sarebbe il più felice di tutti perché coronerebbe il suo sogno di salire al Quirinale imitando il suo grande maestro Carlo Azeglio Ciampi. E Giorgia Meloni? Ufficialmente è fuori dalla trattativa ma non avrà problemi ad accordarsi perché così potrà finalmente dimostrare di essere a capo del primo partito d’Italia. Tenetevi forte: la giostra sta per cominciare.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Opinioni / “Caro Draghi, ho due case e guadagno bene: mi spiega perché deve abbassare a me le tasse e non ai più poveri?”
Opinioni / Dopo il ddl Zan, la nuova maggioranza Italia Viva-centrodestra affossa anche la legge anti-lobby
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia