Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Il golpe mediatico (con fanfara) di Trump

Immagine di copertina
Donald Trump nel suo discorso di oggi a urne ancora aperte. Credit: Ansa

Tutto si poteva immaginare, nella notte elettorale americana, tranne questo: che un piano eversivo preparato con cura minuziosa per mesi, dettaglio dopo dettaglio, argomentazione dopo argomentazione, potesse ancora cogliere qualcuno di sorpresa. Tuttavia è accaduto, con una cerimonia (auto) declaratoria, tutta sfavillante di latta – celebrata in diretta tv davanti al mondo – accompagnata dalla fanfara presidenziale, quando ad urne aperte Donald Trump ha proclamato la propria vittoria.

Il presidente uscente ha parlato esplicitamente di “brogli”. Subito dopo ha indicato, per dirimere il conflitto che lui stesso ha creato, il suo campo di battaglia preferito, il suo luogo arbitrale congeniale – già predisposta da tempo – quella stessa Corte Suprema dove nell’ultimo anno ha avuto cura (nominando tre giudici costituzionale conservatori) di precostituire una maggioranza a se stesso favorevole. È la più classica cronaca di una morte annunciata: è un golpe mediatico con fanfara, in diretta tv.

Trump ha immaginato da mesi di trasformare il voto postale (dove era in svantaggio irrimediabile) in spazzatura, lo ha persino annunciato. Poi ha predisposto con studio minuzioso il suo campo da gioco truccato, e infine ha acceso la miccia con questa liturgia pomposa, imbandierata e circense. Trump sceglie il colpo di teatro per dar fuoco alle polveri, dichiara la vittoria a urne aperte, costruisce una realtà parallela in cui torna sul terreno dove nessuno può tenergli testa: lo scontro, la lotta nel fango, la fiction. Se tutto questo può accadere è perché questo è lo scenario ideale in cui Trump può contestare il risultato, qualunque esso sia. Potrebbe aver vinto, o perso, negli swing states che decidono tutto: ma di certo ha i titoli per considerarsi vincitore morale.

Era indietro nei sondaggi, ha rimontato clamorosamente, ha messo il suo corpo in campo, fingendosi un re taumaturgo guarito dal virus a colpi di Regeneron. Poi – e questo è stato il suo merito – è riuscito a portare nella battaglia il corpo dei suoi sostenitori. Quindi ha smaterializzato il punto di forza dei Democratici, il voto postale differito, con una campagna di discredito di lungo corso. Quando ha pronunciato queste parole mancavano ancora gli swing del nord-est, Michigan e Pennsylvania, e aveva perso in Arizona: ma certo ha realizzato una grande campagna di rimonta. Al contrario, il suo avversario Joe Biden, si è quasi “nascosto”negli ultimi giorni di campagna, sostituendo il suo volto al botulino con il carisma di Barack Obama e la grinta di Kamala Harris: malgrado la sua campagna cadaverica, al momento della conferenza stampa di Trump, Biden aveva sei punti di vantaggio in termini di voti assoluti, e potrebbe poteva ancora portare a casa Michigan e Pennsylvania (proprio grazie al voto dei vecchi bianchi come lui). Nel resto del campo di battaglia, a parte l’Arizona dove è stato trainato da un astronauta, il candidato democratico ha perso tutto.

Adesso l’America precipita in un conflitto istituzionale senza precedenti, con lo scrutinio della Pennsylvania che potrebbe durare fino al 6 novembre, con uno dei contendenti che si autoproclama vincitore da un salone della Casa Bianca, e una Corte Costituzionale con una maggioranza favorevole al contendente che si è appena proclamato vincitore. Questo scenario non è nemmeno paragonabile alla disputa sulla Florida di venti anni fa, ai tempi della battaglia sulla vittoria di Bush. Viceversa il Senato e la Camera potrebbero avere in ogni caso una maggioranza democratica. Quello era un conflitto drammatico, ma circoscritto ad un singolo Stato, questa è una crisi di livello federale, un colpo al cuore della democrazia americana. La notte americana non è finita: è appena iniziata.

Leggi anche: 1. Elezioni Usa, la diretta con i risultati / 2. Altro che trionfo di Biden. Ancora una volta sondaggi e opinionisti hanno toppato alla grande / 3. Usa 2020 on the road: viaggio nell’America al voto

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa 2024: ecco chi potrebbe essere il candidato vicepresidente di Kamala Harris
Esteri / Usa, il primo comizio di Kamala Harris: “Controlli sulle armi, accesso all’aborto, lotta alla povertà, sanità a prezzi accessibili e rilancio della classe media”
Esteri / Russia, autobomba a nord di Mosca: “Feriti un alto ufficiale dell’esercito e la moglie”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa 2024: ecco chi potrebbe essere il candidato vicepresidente di Kamala Harris
Esteri / Usa, il primo comizio di Kamala Harris: “Controlli sulle armi, accesso all’aborto, lotta alla povertà, sanità a prezzi accessibili e rilancio della classe media”
Esteri / Russia, autobomba a nord di Mosca: “Feriti un alto ufficiale dell’esercito e la moglie”
Esteri / Gaza: 39.145 morti dal 7 ottobre. Idf: "Feriti gravemente due soldati a Rafah"
Esteri / Russia: Mosca paga ai volontari quasi 60mila euro all’anno per combattere in Ucraina
Esteri / Usa: la direttrice del Secret Service Kimberly Cheatle rassegna le dimissioni dopo l’attentato a Trump
Esteri / Rapporti con la lobby pro-Israele e critiche sulla guerra: ecco come la pensa Kamala Harris su Gaza
Esteri / Usa, donna chiama la Polizia e il vicesceriffo le spara: il video che lo inchioda
Esteri / Il primo discorso di Kamala Harris: "Conosco i tipi come Trump: predatori sessuali, truffatori, imbroglioni"
Esteri / Gaza: oltre 39mila morti e 90mila feriti. Media: "Domani Netanyahu incontrerà Trump"