Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)

Immagine di copertina

Sul sesto numero di The Post Internazionale, Wadia Samadi racconta come i negozi di strumenti musicali siano stati chiusi in tutto l’Afghanistan, cantanti e musicisti siano fuggiti, oppure vivano nascosti

Mi mancano le lezioni di harmonium. È il grido di Ali, un ragazzo della mia famiglia che studiava musica con un cantante locale nella zona di Kaart-e-Naw a Kabul. «Il mio ustaad (insegnante) ora si nasconde. L’ultima volta che gli ho parlato era molto spaventato perché aveva saputo che i talebani avevano ucciso un cantante folk nel villaggio di Andarab, a nord di Kabul. La sua voce, una volta forte e profonda, si era fatta malinconica e fioca. Spero sia riuscito a raggiungere il Pakistan». I negozi di strumenti musicali sono stati chiusi in tutto l’Afghanistan e cantanti e musicisti sono fuggiti, oppure si sono nascosti. Già nel 1996 i talebani avevano bandito tutti i generi musicali, tranne i canti religiosi, ed era proibito ballare e ascoltare musica durante i matrimoni.

Ora sostengono di nuovo che la musica è «anti-islamica» e l’hanno vietata. In tv e per radio non può essere trasmessa e i programmi musicali sono stati sostituiti con lezioni di fede islamica o film sui profeti. Nell’agosto scorso i talebani hanno brutalmente assassinato Fawad Andarabi, un autore folk molto popolare che cantava il suo villaggio d’origine, Andarab, e la sua gente. Inoltre circolano voci su miliziani recatisi in negozi di strumenti musicali per distruggerli. «Tutti i cantanti che conoscevo sono fuggiti e quelli rimasti cercano di andarsene. Non sappiamo cosa ci accadrà. La musica è la nostra passione e il nostro mezzo di sostentamento. Ormai potremmo metterci a vendere verdura o cominciare a cercare un altro lavoro», spiega Shah Rasool Qasemi, un cantante di musica classica molto popolare in Afghanistan. All’inizio di ottobre, i musicisti dell’Istituto nazionale afghano di Musica e dell’Orchestra Zoha, composta di sole donne, sono stati finalmente trasferiti in aereo in Qatar, dopo aver trascorso settimane a cercare di fuggire dai talebani.

In tutto questo è consolante sapere che molte famiglie sono comunque riuscite a festeggiare i matrimoni negli alberghi di Kabul. Qualche cerimonia è stata celebrata anche di recente. I talebani hanno vietato i canti dal vivo durante le nozze, ma segretamente si ricorre a un dj che trasmette la musica da un computer. Nella sala riservata alle donne, questa figura non può essere un uomo e viceversa. «Dal momento che a ogni matrimonio i talebani irrompono nelle sale riservate agli uomini per prendersi venti o trenta porzioni di cibo, il personale degli hotel presidia l’ingresso e quando vede arrivare i miliziani, li segnala al direttore che scollega l’impianto. Appena se ne vanno, riparte la musica», racconta Omid, invitato di recente a una festa di nozze.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Opinioni / “Caro Draghi, ho due case e guadagno bene: mi spiega perché deve abbassare a me le tasse e non ai più poveri?”
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)
Opinioni / Dopo il ddl Zan, la nuova maggioranza Italia Viva-centrodestra affossa anche la legge anti-lobby
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)