Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Senza cultura non ci sono istituzioni, così l’Europa allontana le persone

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Prima della moneta unica e del deficit, l’Ue è la sua cultura. Se Bruxelles non riesce a difendere l’identità del continente non sarà in grado di restare in piedi

Se volessimo trovare una ragione principale dietro la crisi delle istituzioni europee, questa è probabilmente leccessiva attenzione riservata per i freddi dati economici a discapito di quella verso le persone. Se la mano sul portafoglio si è curata di tenere il deficit entro una certa soglia, chiedere agli Stati sacrifici e imporre manovre, laltra non si è curata degli effetti che tali provvedimenti hanno avuto sui cittadini dei vari Paesi, divisi magari da culture diverse che, in un modo o nellaltro, hanno contribuito a ununica cultura continentale.

Proprio questa cultura è qualcosa che le istituzioni europee, retorica e buone intenzioni a parte, non si sono mai curate di promuovere come punto fermo delle politiche dell’Unione, prese come erano dalle questioni economiche e monetarie. Un silenzio che ha contribuito alla disaffezione dei cittadini verso lUe e ha anche favorito la crescita di fenomeni distanti dalla nostra cultura. I fenomeni in questione, pur mossi da ideali nobili e più che condivisibili, come la lotta al razzismo e alle disuguaglianze, sono stati in parte importati in pieno dagli Stati Uniti e hanno preso una strada quantomeno discutibile.

Se infatti oltreoceano abbiamo visto, oltre alle statue abbattute e i nomi di scuole e strade cambiati, una scuola in Massachusetts decidere di non studiare Omero perché è un prototipo di mascolinità tossica o un professore di Princeton che vuole mandare i classici greci e romani in soffitta perché promuovono il dominio razziale bianco, ciò riguarda anche il modo in cui è trattata la nostra cultura. E soprattutto, in un mondo iperconnesso e in cui gli Stati Uniti rappresentano la principale potenza mediatica globale, va ricordato che il passo è breve tra un fenomeno che accade dallaltra parte delloceano e noi, che non a caso abbiamo assistito a episodi di zelo iconoclasta, soprattutto in nord Europa.

Se al di là delle istituzioni esiste un concetto di Europa è anche per la sua cultura che va difesa non solo per un effimero nazionalismo storico-letterario. Se tale cultura non viene difesa e promossa, non solo non sarà in grado di difendersi da certi eccessi di zelo iconoclasti, ma sarà sentita sempre più come qualcosa di distante e non sarà in grado di tenersi in piedi. Senza identità non possono esistere le istituzioni, e senza istituzioni la promozione dellidentità potrebbe non essere abbastanza efficace. Non è un caso che lUe si sia da poco incartata su una polemica sulluso della parola Natale.

Ursula von der Leyen, insediandosi nel 2019, ha definito la civiltà europea figlia della filosofia greca e del diritto romano. Potremmo aggiungere anche altri pezzi di cultura, religiosa e laica, alla base dellEuropa, ma limportante è che tali riferimenti non rimangano frasi di circostanza. Perché lEuropa è soprattutto questo, prima delleuro e prima del rapporto deficit/Pil, e senza questo non può reggersi tutto il resto.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)