Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Per ottenere il Quirinale Draghi è pronto a rassicurare i partiti: in caso di elezione non scioglierà le Camere

Immagine di copertina
Credit: Ansa

I partiti sembra abbiano finalmente capito una cosa che andiamo scrivendo da tempo: Mario Draghi al Quirinale ci vuole andare eccome, è il suo vero obiettivo sin da quando ha deciso di accettare l’incarico del Capo dello Stato Mattarella per governare il Paese ma se il suo desiderio non dovesse essere soddisfatto è prontissimo a rimettere il mandato nelle mani del futuro Capo dello Stato e a tornarsene dai suoi amati cani a Città della Pieve (d’altra parte come potrebbero i partiti che lo hanno bocciato per il Quirinale un secondo dopo chiedergli di restare, come nulla fosse, a Palazzo Chigi? “Se non vado bene per il Colle allora non vado bene nemmeno per Palazzo Chigi” sarebbe il ragionamento del premier).

I partiti sono avvertiti: prima di fare mirabolanti ipotesi su Draghi a Palazzo Chigi fino al 2023 o addirittura oltre, farebbero meglio a parlarne con il diretto interessato che non ha nessuna voglia di finire nel tritacarne politico dell’anno che porta alle elezioni.

Oltretutto, alla stregua di un Capo di Stato, nemmeno super Mario ama essere tirato per la giacchetta. Un motivo in più per essere prudenti. Tanto più che già ci sono state le prime avvisaglie di quello che potrebbe accadere. Parliamo del ddl Zan che, oltre a spaventare il centrosinistra per via dei franchi tiratori in vista della grande partita del Quirinale, ha lasciato allibito anche il premier e i suoi consiglieri di palazzo: “Ecco cosa ci potrebbe aspettare nei prossimi mesi” il ragionamento fatto. Insomma, la paura è di giocarsi un’intera carriera finendo in balia delle smanie dei partiti di ogni ordine e risma.

L’ex presidente BCE, da par suo, pur di salire al Colle, starebbe anche ragionando sul fatto che, a ridosso delle elezione per il Quirinale, potrebbe mandare un “messaggio” rassicurante sul fatto che non scioglierà le Camere qualora fosse eletto presidente della Repubblica. E che anzi un gesto del genere sarebbe dannoso per il paese perché le urne bloccherebbero la crescita e il Pnrr. Parole dolcissime per i peones di ogni schieramento.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero