Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Omicron, Europa e franchi tiratori: ecco gli ostacoli che Draghi deve superare per approdare al Quirinale

Immagine di copertina
Credit: Ansa

La cosa non sarebbe affatto dispiaciuta a Franz Kafka ed alla sua letteratura dell’assurdo: tutti parlano di Mario Draghi ma Mario Draghi non parla con nessuno, non un parola sul Quirinale, neanche nei bilaterali fatti a Chigi sulla manovra. E c’è da capirlo: in Italia (e in qualche caso anche all’estero) non sono pochi quelli che vorrebbero “inchiodarlo” a Palazzo Chigi a vita, costringerlo a portare la croce ostaggio di partiti sempre più capricciosi che vorrebbero tenere tutto per loro il boccone prelibato: il Quirinale.

Così i virgolettati che circolano ampiamente sui media, non sono mai autentici ma dei “si dice” che magari escono dai suoi uffici, dallo staff del ministro Giorgetti, dai consiglieri del Colle, dai desiderata dei partiti, che mai come questa volta, non sanno che pesci prendere. Ma stavolta Mario Draghi comincerà a mandare segnali. Uno su tutti, come anticipavamo su TPI nelle scorse settimane: il Paese non può permettersi le elezioni anticipate. Un modo per tranquillizzare peones di ogni tipo e grado e per fare capire a tutti che salire al Colle non significa necessariamente andare al voto il giorno dopo.

Allo stato attuale, sono tre i nemici visibili che l’ex banchiere deve superare: l’Europa, l’Omicron ed i franchi tiratori, che nel caso consiglierebbero di mettere in campo la super candidatura dalla quarta votazione.

Alla vigilia del big match del 24 gennaio, il campo da gioco si presenta comunque disastrato e sugli spalti i grandi elettori si preparano alla partita nel peggiore dei modi: disuniti, rissosi, incattiviti.

Non c’è nessun leader in grado di mantenere le redini della situazione. Il centrodestra è ancora dilaniato dal confronto muscolare tra Salvini e Meloni, Letta che di fatto ha deciso di parlare solo con Conte, dimostra di essere totalmente inoffensivo e senza strategia. In più, aleggia il fantasma di Silvio Berlusconi, che potrebbe caratterizzare in crescendo le prime tre votazioni e comunque conquistare sul campo il ruolo di king maker dalla quarta. Perché il suo vero piano B è quello di trattare per se stesso un posto di senatore a vita che lo riscatti dai tanti affronti subiti. La cosa sarebbe facile con Giuliano Amato al Quirinale. Più complicato con Mario Draghi.

Silvio Berlusconi comunque è l’incubo del segretario dem che ben consapevole di poter fare solo il gregario di Mario Draghi, ha iniziato anche a mettere in giro delle esche per il centrodestra, al fine di disincentivare la convergenza sul leader di Forza Italia. Le esche in questione sono la presidente del Senato Casellati e l’ex sindaca di Milano, Letizia Moratti.

Contemporaneamente Letta ha mandato anche un segnale inequivocabile del suo accordo con Giorgia Meloni sull’accoppiata Draghi al Quirinale, elezioni anticipate a maggio. Guarda caso ieri dal Nazareno è stato “riesumato” il ddl Zan, che per il segretario del Pd, sarà uno strumento perfetto per l’eventuale campagna elettorale.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)