Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La rivincita di Emiliano: solo contro tutti, zittisce anche i nemici interni e salva il PD (e Conte)

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

L’uomo del giorno, il “man of the match” è Michele Emiliano, l’uomo che ha vinto la partita più sofferta e più importante di queste regionali, quella giocata nelle urne pugliesi. È vero sono in tanti a cantar vittoria oggi. Zingaretti ne esce alla grande, la sua strategia ha pagato, la sua pazienza lo ha premiato e ha tenuto la barra dell’alleanza dritta nonostante insulti e minacce e ora, alla luce dei risultati, si trova ad essere il segretario del partito più forte dell’alleanza di governo. Anche Giuseppe Conte può tirare un sospiro di sollievo, il suo governo tiene e la sua maggioranza non ha bisogno di tagliandi, il premier può continuare sereno la progettazione delle riforme necessarie ad incassare i soldi del recovery fund. Persino Di Maio gongola, il suo partito è ormai ridotto a percentuali minime in tutta Italia ma lui ha portato a casa il suo risultato, ha vinto il referendum e ha impresso il suo nome su una riforma storica, sull’unica vera vittoria della governance populista (il reddito di cittadinanza non sopravviverà a lungo dopo questa maggioranza).

Luca Zaia ha stravinto, il Veneto lo incorona supergovernatore e la sua lista sorpassa la Lega stessa, a Napoli gli fa specchio De Luca che grazie ai lanciafiamme alle feste di laurea si conferma il decision-maker della Campania. Pure Giorgia Meloni se la ride, ha sfiorato il jackpot ma porta a casa comunque un governatore e strappato una regione alla sinistra, il sorpasso su Matteo Salvini è dietro l’angolo.

Però l’uomo della serata è Michele Emiliano perché vince dove non era scontato, perché si getta nel corpo a corpo con il suo avversario e lotta voto per voto, perché ha contro anche gli alleati di governo del suo partito, perché il Movimento Cinque Stelle e Italia Viva avevano scommesso sulla sua sconfitta e perché a sinistra tutto sommato anche un 4-2, salvata la Toscana, era un risultato che andava bene a tutti. Ma il governatore pugliese ha battuto la sua regione in lungo e largo senza sosta per settimane, ha scolpito dal Gargano al Salento la sua idea di Puglia nelle piazze della sua regione e alla fine ha portato a casa la partita. Se Nicola Zingaretti ride e Giuseppe Conte può guardare oggi sereno e fiducioso al futuro del suo governo è soprattutto grazie ad un governatore che non si è dato per vinto, che non ha ascoltato chi, anche nel suo partito, gli ha chiesto di farsi da parte e che testardamente ha combattuto fino alla fine e si è riconfermato alla guida della sua regione.

Leggi anche: 1. Elezioni regionali Puglia, Emiliano a TPI: “Ora allargare maggioranza a M5S. Renzi? Non ho niente da dire” | VIDEO / 2. Elezioni regionali Puglia, Laricchia (M5S) a TPI: “I pugliesi si meritano Emiliano. No all’alleanza col Pd” / 3. Elezioni regionali Puglia, Fitto a TPI: “Ho fatto il massimo, il Covid ha dato visibilità ai governatori. E la giunta sembrava un comitato elettorale”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)
Opinioni / Quello della Polonia è un attacco allo stato di diritto che l’Unione Europea non può ignorare
Opinioni / Un patto con voi lettori (di Giulio Gambino)
Opinioni / Tutti lavorano alle elezioni anticipate ma nessuno lo dice: le danze avranno inizio col nuovo Capo dello Stato
Opinioni / L’ex senatore di Forza Italia Pittelli è stato nuovamente arrestato per mafia, ma la politica fa finta di non vedere
Opinioni / Da Calenda a Renzi fino a pezzi di Forza Italia: iniziate le manovre per la nascita di un grande centro