Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

L’ipocrisia di chi è contro l’aborto ma se ne frega dei bambini (di A. Stille)

Immagine di copertina

Smettiamola almeno di fingere che il diritto alla vita sia generato dalla preoccupazione per i bambini. La motivazione di chi si oppone all’aborto è prevalentemente religiosa e politica

La decisione della Corte Suprema di revocare il diritto all’aborto ha dato la sensazione che negli Stati Uniti sia stato raggiunto – o già superato – un punto di svolta. La fiducia degli americani nella Corte è scesa ai minimi storici: solo il 25% della popolazione ne ha stima, un dato dimezzato rispetto a vent’anni fa.

Per la maggior parte dei cittadini si tratta chiaramente di un organo politico, che favorisce il Partito Repubblicano e le questioni conservatrici in generale. Del resto, ci sono molte ragioni per essere scettici nei confronti della Corte Suprema. Samuel Alito, il giudice fervente cattolico che ha scritto il parere sull’aborto, scrive in modo commovente a proposito della vita del feto in utero ma mostra poco o nessun interesse per l’impatto che la sua decisione ha sulla vita delle donne e dei loro bambini. Non è compito della Corte, scrive, valutare «l’effetto del diritto all’aborto sulla società e in particolare sulla vita delle donne».

Alito e i fautori del «diritto alla vita» non mostrano interesse neppure per la vita di quegli stessi bambini, una volta nati. Come emerso da uno studio, i quattordici Stati americani con le leggi più restrittive sull’aborto hanno i record peggiori per quanto riguarda il benessere delle donne, dei bambini e delle famiglie. Guidano le classifiche nazionali sulla mortalità infantile e la morte delle madri durante il parto. Hanno scarsi livelli di assistenza sanitaria e strutture per l’infanzia, pochi programmi per aiutare le donne costrette a crescere bambini che non volevano.

Il Mississippi – lo stesso Stato che ha intentato la causa culminata con il ribaltamento di Roe v. Wade (il caso del 1973 che ha stabilito il diritto all’aborto negli Stati Uniti) – è al 48esimo posto su 50 tra gli Stati americani in aree chiave come l’istruzione, il benessere economico, la salute, e la condizione delle sue famiglie. In altre parole, la cura del bambino sembra finire alla nascita. Abbiamo dunque già una buona idea di cosa accadrà alle donne a cui viene negato l’accesso all’aborto e ai loro figli.

Un progetto di ricerca noto come “Turn Away” (Rifiuto) ha tracciato la vita di mille donne a cui le leggi dei rispettivi Stati hanno vietato di abortire: queste si sono rivelate più propense a cadere in povertà, a finire per crescere i loro figli da sole, a diventare vittime di abusi domestici, ad avere problemi di salute. E non sorprende che anche i loro figli abbiano sofferto: più probabilità di vivere in povertà, meno probabilità di finire la scuola.

Smettiamola almeno di fingere che il diritto alla vita sia generato dalla preoccupazione per i bambini. La motivazione di chi si oppone all’aborto è prevalentemente religiosa e politica. Ed è legata a una visione religiosa del mondo che vorrebbe portare l’orologio a un’era precedente. Nel 2003 la Corte Suprema ha finalmente ribaltato una vecchia legge del Texas che criminalizzava la sodomia. Ebbene, il procuratore generale del Texas ha detto che sarebbe pronto a difendere quella legge, se il suo Stato decidesse di reintrodurla. Il giudice Clarence Thomas, nel suo parere concordante allegato alla sentenza sull’aborto, ha affermato che la pronuncia sull’interruzione di gravidanza apre la strada a sfidare il diritto al controllo delle nascite e ai matrimonio gay.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La sinistra vince se fa scelte radicali (di G. Gambino)
Opinioni / Da Sant'Anna di Stazzema alle Fosse Ardeatine: se Meloni vuole prendere le distanze dal fascismo renda omaggio alle vittime (di R. Parodi)
Opinioni / Il “Grande Fratello dei politici”: perché non trasformare direttamente le elezioni in un reality? (di G. Carcasi)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La sinistra vince se fa scelte radicali (di G. Gambino)
Opinioni / Da Sant'Anna di Stazzema alle Fosse Ardeatine: se Meloni vuole prendere le distanze dal fascismo renda omaggio alle vittime (di R. Parodi)
Opinioni / Il “Grande Fratello dei politici”: perché non trasformare direttamente le elezioni in un reality? (di G. Carcasi)
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Opinioni / Il nuovo fango elettorale è per le “mogli di”: se sei donna attenta a fare politica come tuo marito
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Opinioni / Una nuova visione del mondo: per salvare il Pianeta dobbiamo cambiare il modello sociale ed economico (di G. Gambino)