Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Gender gap: in Italia tutti ne parlano ma nessuno fa qualcosa

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Gender gap in Italia

“Ci prefiggiamo di introdurre una legge sulla parità di genere nelle retribuzioni: è una battaglia che vogliamo portare a termine al più presto in omaggio a tutte le donne”, disse il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lo scorso settembre presentando il nuovo governo alla Camera. Il gap gender è uno di quei temi politici di cui tutti parlano ma che alla resa dei conti fatica a trasformarsi in riforme: di questo passo, senza importanti provvedimenti legislativi, in Italia ci vorranno almeno 100 anni prima che possa diventare realtà.

Una donna, a parità di lavoro e di mansione di un uomo, lavora in pratica un mese e mezzo gratis, con una differenza salariale del 10 per cento che lascia l’Italia molto indietro nelle classifiche internazionali. Gli ultimi dati dell’Istat raccontano anche che l’accesso delle donne a quadri dirigenziali è passato dal 27 al 32 per cento, mentre come quadri si è passati dal 41 al 45 per cento.

Negli ultimi 13 anni si è registrato, nel mondo, un miglioramento del 3,6 per cento (con il 38 per cento dei Paesi che hanno registrato addirittura un peggioramento): numeri che indicano chiaramente come il percorso di riequilibrio sia molto lento e piuttosto arretrato.

In Europa una concreta legge sulla parità di genere nelle retribuzioni l’ha introdotta l’Islanda, obbligando le aziende alla parità di stipendi, mentre in Italia una lavoratrice lo scorso anno ha guadagnato tra i 2.500 e i 9mila euro in meno rispetto ai suoi colleghi uomini.

Il Gender Pay Gap Index del Work Economic Forum piazza l’Italia nel 2017 al 118esimo posto su 142 Paesi nel mondo per accesso al mercato del lavoro, per retribuzione e per possibilità di avanzamento di carriera della donna: una posizione umiliante per un Paese che negli ultimi anni si è sempre dichiarato concentrato sul tema e che invece viene indicato (lo dice sempre il rapporto) come la nazione che meno di tutte sta intervenendo sul tema.

La questione, però, non è solo economica, ma è anche e soprattutto sociale: un Paese che non si impegna a risolvere le sue evidenti disuguaglianze è inevitabilmente un Paese in cui crolla la fiducia, la produttività e la possibilità di indipendenza economica per le donne.

Siamo alle solite: per trovare una soluzione adeguata serve un cambiamento culturale che coinvolga la politica, l’imprenditoria, l’informazione, la scuola. Per fenomeni complessi servono soluzioni complesse e la complessità purtroppo non è molto di moda. Per questo si attende che la frase di Conte si evolva in una proposta di concrete soluzioni. Senza aspettare 108 anni.

Gender pay gap: se sei donna è come se lavorassi gratis quasi tre mesi all’anno

Perché l’Italia è prima al mondo per donne all’università, ma ultima per occupazione femminile

In Europa una donna viene pagata 84 centesimi per ogni euro che guadagna un uomo

Ruanda, 25 anni dopo: così le donne hanno cambiato il paese, oggi in parlamento gli uomini sono in minoranza

Ti potrebbe interessare
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Costume / Come tornare a relazionarsi con gli altri dopo la pandemia
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Ti potrebbe interessare
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Costume / Come tornare a relazionarsi con gli altri dopo la pandemia
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Costume / Buoni motivi per cui preferire auto usate
Costume / Gherardo Guidi: “Durante il lockdown la notte mi sognavo le serate. Ora la Capannina riapre con molta più passione che negli anni prima della Pandemia”
Costume / Joanna Kenny, l’influencer che sfida gli standard di bellezza evidenziando i baffetti con il mascara
Costume / Dall’uomo incinto alla faccina che fa il saluto militare: tutte le nuove emoji 2021-22
Costume / Le conseguenze della dichiarazione di Obama sugli UFO
Costume / Gli Elites realizzano una reaction a Wembley per la finale degli Europei
Costume / Buone idee crescono: ecco WiseMindPlace, la piattaforma che trasforma le idee in progetti