Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici

Immagine di copertina
Credit: Maxime Leonard / Hans Lucas

"Voler essere i migliori in quello che facciamo è naturale, ma così diventiamo oggetti della nostra vanità. E perdiamo di vista chi siamo veramente". Sul nuovo numero del settimanale di TPI l'analisi del sociologo Arthur C. Brooks

Da economista, ho assistito a una profusione di spiegazioni complesse sulla nota opposizione di Karl Marx al capitalismo. Eppure il ragionamento di Marx si riduce a un concetto semplice: la felicità. L’autore del Capitale credeva che il capitalismo, trattando gli individui come rotelle di un ingranaggio nel quale conta solo la produttività, rendesse le persone infelici. «L’attività spontanea dell’umana fantasia, dell’umano cervello e del cuore umano opera indipendentemente dall’individuo. Appartiene a un altro, è la perdita del lavoratore stesso», scrisse Marx nel suo saggio del 1844 Teoria dell’alienazione. I lavoratori, dal suo punto di vista, sono “oggettificati”, trasformati in miseri involucri. Si può essere d’accordo o meno su questo pensiero, ma è indubbio che molte persone si auto-infliggono la pena descritta da Marx: troppi di noi lavorano sodo, ambiscono al successo e si auto-trasformano in oggetti, in eccellenti macchine da lavoro e strumenti efficienti. Si impegnano perché mirano al successo professionale, da cui traggono soddisfazione e felicità. In realtà, però, l’auto-oggettificazione ci preclude entrambe e ci conduce a una vita in cui si raggiungono risultati senza provare gioia e si mancano invece altri traguardi, irraggiungibili. Per essere davvero felici, allora, dobbiamo spezzare queste catene che noi stessi ci mettiamo. Sulla felicità Marx aveva ragione: l’oggettificazione dell’individuo ne riduce il benessere….
** Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul The Atlantic – Traduzione italiana di Ann Bissanti)
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)