Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

In Afghanistan ora i genitori sono costretti a vendere i figli (di W. Samadi)

Immagine di copertina

In Afghanistan la situazione sociale ed economica peggiora ogni giorno che passa e la povertà aumenta. I problemi più gravi che attualmente devono affrontare gli afghani sono la disoccupazione, la povertà e la fame. Dopo la caduta del governo afghano e la fine della guerra a guida Usa, lapparato amministrativo è distrutto e gli impiegati statali sono disoccupati.

Il settore privato è crollato, le imprese hanno chiuso, le fabbriche hanno smesso di produrre, gli investitori sono fuggiti e quelli rimasti devono affrontare un futuro incerto. Secondo la Camera di commercio di Herat, nel settore manifatturiero più della metà delle imprese ha chiuso, principalmente a causa delle restrizioni sui prelievi bancari, del calo delle importazioni di materie prime e dellassenza di un vero e proprio mercato. Limpatto devastante di questa situazione è ormai visibile.

La povertà diffusa, causata principalmente dalla caduta dei salari e degli aiuti internazionali, ha portato le persone a vendere i propri figli. Da più fonti si hanno notizie di bambine vendute per 500 dollari. Molti negozianti di Kabul sostengono che i prezzi sono aumentati, che la gente non può permettersi di comprare niente e che le vendite sono precipitate. «Prima le persone avevano soldi e il cambio con il dollaro era più basso. Le vendite andavano bene. Ora soffrono tutti e gli affari vanno male», sostiene Amir Khan, un negoziante di Kabul. Sharifullah, soprannominato lautista di Kabul”, era un addetto alla sicurezza del governo precedente ma ora è disoccupato ed è costretto a fare il tassista. «Quando il governo è caduto ho perso il lavoro e i miei risparmi sono finiti, così ho trasformato la mia automobile in un taxi».«Ormai si vedono più mendicanti che clienti fuori dalle panetterie e qualcuno ha iniziato a mendicare solo da poco», aggiunge Muheb, che vive a Kabul. «Non ci sono più fonti di reddito per noi docenti e negli ultimi mesi ho venduto quasi tutto quello che avevo in casa. Ho quattro figli da mantenere», racconta un insegnante. Oltre 500mila impiegati non ricevono lo stipendio da due mesi.

Di recente, i talebani hanno lanciato uniniziativa chiamata grano in cambio di lavoro”: chi lavora per migliorare i sistemi idrici e di drenaggio di Kabul viene ripagato in grano.«È meglio di niente, almeno non moriremo di fame», commenta Rahmat. Secondo le Nazioni Unite, «il 97 per cento della popolazione rischia di sprofondare sotto la soglia di povertà se non sarà affrontata con urgenza la crisi politica ed economica del Paese».
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero