Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Dove vedere le foto del World Press Photo 2018 in Italia

Immagine di copertina
La foto vincitrice del World Press Photo 2018. Credit: Ronaldo Schemidt/ Afp

La mostra World Press Photo 2018 si terrà a Roma, in prima assoluta italiana, presso il Palazzo delle Esposizioni dal 27 aprile al 27 maggio 2018

Lo scorso 12 aprile 2018 sono stati annunciati i vincitori del World Press Photo Contest, il più importante e prestigioso premio fotogiornalistico al mondo.

Il premio più ambito, il Photo of the Year 2018, è stato vinto da Ronaldo Schemidt, fotografo Afp con uno scatto che ritrae un ragazzo in fuga, avvolto dalle fiamme, durante una manifestazione nel maggio del 2017, contro il presidente Nicolás Maduro, a Caracas.

World Press Photo è un’organizzazione no-profit con sede ad Amsterdam, e il concorso è stato istituito nel 1955 diventando uno dei riconoscimenti più importanti al mondo.

La cerimonia di premiazione si tiene, come da tradizione, nella Chiesa Nuova (Oude Kerk) della capitale dei Paesi Bassi.

Le foto in mostra a Roma 

La mostra World Press Photo 2018 si terrà a Roma, in prima assoluta italiana, presso il Palazzo delle Esposizioni dal 27 aprile al 27 maggio 2018 e sarà possibile ammirare tutte le foto che hanno vinto l’edizione di quest’anno.

World Press Photo 2018 Roma | Biglietti e Orari

La mostra è visitabile Domenica, martedì, mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 20.00. Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30. Lunedì rimarrà chiusa.

L’ingresso è consentito fino ad un’ora prima della chiusura.

Il costo del biglietto intero è di 12,50 euro, ridotto di 10,00 euro. I ragazzi dai 7 ai 18 anni pagano 6,00 euro, mentre i bambini fino a 6 anni entrano gratuitamente.

La mostra World Press Photo 2018 è promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, è ideata da World Press Photo Foundation di Amsterdam e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con 10b Photography.

Guarda qui tutte le foto vincitrici.

Dove vedere le mostre delle foto vincitrici in Italia

Dal 28 aprile al 27 maggio le foto saranno in mostra anche a Bari, allo spazio Murat e a Milano dal 12 maggio al 3 giugno alla Galleria Franca Sozzani.

A Venezia l’esibizione si terrà dal 31 agosto al 30 settembre 2018 al Magazzino alle Zattere. Qualche mese dopo la mostra sarà visitabile anche a Ferrara, dal 5 ottobre al 4 novembre, al Padiglione di Arte Contemporanea.

La mostra arriverà anche in Sardegna, a Gavoi, dal 27 ottobre al 12 novembre allo spazio ExCaserma.

A questo link tutte le mostre del World Press Photo nelle varie città del mondo.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Ti potrebbe interessare
Cultura / Consigli per il weekend: le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana
Cultura / Un libro di corsa: Il codice dell’illusionista
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé