Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Perché il premier Conte si è recato in visita in Niger e Ciad

Immagine di copertina

La visita del presidente del Consiglio nei due paesi africani è di grande importanza tanto per la politica estera quanto interna dell'Italia

Il premier italiano Giuseppe Conte ha iniziato il 15 gennaio 2019 il suo tour nella regione del Sahel africano ed è atteso in Niger e in Ciad.

La visita del presidente del Consiglio nei due paesi africani è di grande importanza tanto per la politica estera quanto interna dell’Italia se si considera il peso che la regione ha in tema di immigrazione. Inoltre proprio in Niger è attiva una missione militare italiana.

> Il Sahel è il nuovo terreno di scontro tra Occidente e jihadisti?

Negli ultimi anni migliaia di migranti diretti in Europa sono passati per la regione del Sahel, che ha fortemente risentito dell’aumento del terrorismo islamico e dell’instabilità politica e sociale.

L’obiettivo dell’Italia è quello di rafforzare il partenariato con Niger e Ciad ed è in questo contesto che si inserisce la visita del presidente del Consiglio Conte nei due paesi africani: a Niamey il premier ha in programma un incontro con il presidente nigerino, Mahamadou Issoufou, e il premier Brigi Rafini, mentre a N’Djamena incontrerà il presidente Idriss Deby.

Attualmente Roma investe in Africa attraverso il Fondo Fiduciario Ue, che si occupa di finanziare progetti per la regione per oltre 1 miliardo e mezzo di euro, e finanzia corsi di formazione della Guardia di finanza, dei Carabinieri e della Scuola Sant’Anna di Pisa per i funzionari delle dogane, le forze di polizia e i magistrati dei paesi del Sahel.

In questo contesto si inserisce anche l’avvio a settembre 2018 della missione militare di assistenza e formazione alle forze del Niger, che vede impegnati 92 militari italiani: fino ad oggi attraverso il programma di cooperazione sono stati addestrati 260 soldati nigerini.

La missione italiana in Niger – Il 20 settembre la ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, ha annunciato l’avvio della missione italiana in Niger per il controllo dei flussi migratori provenienti dal paese africano.

“L’obiettivo sarà arginare, insieme, la tratta di esseri umani e il traffico di migranti che attraversano il paese, per poi dirigersi verso la Libia e in definitiva imbarcarsi verso le nostre coste”, ha scritto la ministra della Difesa su Facebook.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati
Esteri / Il Brasile ha affondato nell’oceano una vecchia portaerei piena di amianto e rifiuti tossici
Esteri / Bobi è il cane più vecchio del mondo: ha 30 anni