Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Simone di Torre Maura ha vinto il premio “Miglior figlio di Roma” | VIDEO

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 5 Mag. 2019 alle 11:48 Aggiornato il 5 Mag. 2019 alle 11:49
0
Immagine di copertina
Simone, 15 anni, durante la premiazione di "Mamma Roma premia i suoi figli migliori"

Con 84 realtà di Roma che operano nel settore sociale,”Mamma Roma premia i suoi figli migliori” arriva alla sua terza edizione e quest’anno ha deciso di premiare uno dei giovani protagonisti dell’attualità romana, ma anche nazionale.

A aggiudicarsi il riconoscimento di “figlio migliore di Roma” è Simone, 15 anni, il ragazzo di Torre Maura che lo scorso aprile si era fatto largo fra una folla di militanti di CasaPound che manifestavano contro il trasferimento di un gruppo di rom in un centro di accoglienza e aveva detto:  “A me ‘sto fatto che bisogna annà sempre contro la minoranza non me sta bene. Non me sta bene che no”. Una spontaneità e un coraggio che lo avevano reso famoso in tutta Italia. (qui il video)

Se le parole di un 15enne sono più incisive dell’intera classe politica

“Qui si celebra la Roma migliore, quest’anno non potevamo non dare un riconoscimento a questo giovane ragazzo, per il coraggio che ha avuto malgrado la sua giovane età”: queste le parole del presidente di Mamma Roma BPA, Paolo Masini.

Dal canto suo Simone, salito sul palco per la premiazione ha affermato: “Quello che mi ha dato maggiore soddisfazione è che amici cresciuti in famiglie con ideologie fasciste mi abbiano ringraziato. Questo è importante per me”.

“Simone non sa parlare italiano?”: la risposta del professore che zittisce Elena Stancanelli

Il giovane è stato premiato anche da Luca Barbarossa, dall’attore e cantautore Andrea Rivera e dal disegnatore de Il Manifesto Mauro Biani. Quest’ultimo aveva già dedicato a Simone una vignetta dopo i fatti di Torre Maura.

“Fate leva sulla rabbia del quartiere”, Simone zittisce CasaPound e difende i rom

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.