Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Papa ha lavato i piedi ai detenuti di Regina Coeli

Immagine di copertina
Per la quarta volta in cinque anni Papa Francesco ha tenuto il rito della lavanda dei piedi in un carcere. Credit: Afp.

Bergoglio sceglie ancora un carcere per la lavanda dei piedi, il tradizionale rito del giovedì santo: tra i detenuti due musulmani e un buddhista

In occasione del giovedì santo, il 29 marzo 2018 Papa Francesco ha tenuto nel carcere di Regina Coeli, a Roma, il tradizionale rito pre-pasquale della lavanda dei piedi.

Il pontefice ha lavato i piedi a dodici detenuti di diverse nazionalità e religioni, tra cui due musulmani e un buddhista.

Per la quarta volta in cinque anni di pontificato, Bergoglio ha deciso di trascorrere il giovedì santo con i carcerati. In precedenza il Papa era stato nei carceri romani di Casal del Marmo, Rebibbia e Paliano.

Nel 2016, anziché visitare un carcere, decise di tenere il rito della lavanda dei piedi in un centro accoglienza richiedenti asilo (Cara) alle porte di Roma.

Si è trattato della quarta visita di un pontefice a Regina Coeli: l’ultimo fu Giovanni Paolo II nel 2000, l’anno del Giubileo. In precedenza c’erano stati Paolo VI nel 1964 e Giovanni XXIII nel 1958.

All’incontro con Papa Francesco hanno partecipato 600 persone, tra detenuti e personale carcerario. Circa il 65 per cento della popolazione carceraria è costituito da giovani tra i 18 e i 35 anni, appartenenti a 60 diverse nazionalità.

Bergoglio ha celebrato la messa nella rotonda dell’istituto penitenziario, al termine della quale ha fatto visita all’infermeria e alla sezione ottava, che ospita detenuti, come attentatori e pentiti, che hanno bisogno di protezione.

“C’è gente che soffre, che è scartata dalla società, almeno per un tempo, e Gesù va a li a dirgli ‘tu sei importante per me”, ha dichiarato il Papa durante la sua omelia.

“Gesù viene a servirci, e ha voluto scegliere dodici di voi per lavare i piedi. Gesù rischia su ognuno di noi, non si chiama Ponzio Pilato, non sa lavarsene le mani, sa solo rischiare”.

Nell’occasione della visita a Regina Coeli il pontefice ha reso noto anche che nel 2019 dovrà sottoporsi a un’operazione per rimuovere la cataratta.

Il pontefice va proprio dai detenuti “a inchinarsi come Cristo, è una cosa bellissima. È un gesto di un’intensità che non ha parole per essere descritto”, ha commentato il cappellano del carcere di Regina Coeli, don Vittorio Trani.

Già quando era arcivescovo di Buenos Aires, in Argentina, Bergoglio era solito trascorrere il giovedì santo nei luoghi di maggior sofferenza della città.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Ti potrebbe interessare
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”
Esteri / La scrittrice Sophie Kinsella: “Ho un cancro al cervello, sto facendo chemioterapia”
Esteri / Serie di attacchi di Hezbollah al Nord di Israele: 18 feriti. Tajani: “G7 al lavoro per sanzioni contro l’Iran”. Netanyahu: “Israele farà tutto il necessario per difendersi”
Esteri / Copenaghen, distrutto dalle fiamme gran parte dell’edificio della Borsa | VIDEO
Esteri / L’Iran minaccia l’uso di un’arma “mai usata prima”. L’Onu: “Sono 10mila le donne uccise a Gaza dall’inizio della guerra, 19 mila gli orfani”
Esteri / Stati Uniti, Trump: “Il mio processo è un attacco all’America”
Esteri / Iran a Onu invoca il diritto all’autodifesa. Macron: “Risposta sproporzionata. Isolare Teheran e aumentare le sanzioni”. Media: "Israele risponderà all’Iran, ma senza scatenare una guerra regionale"