Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

L’Italia fornirà mezzi alla Libia per contrastare le partenze dei barconi di migranti

Immagine di copertina
Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Credit: Afp

Lo ha annunciato il ministro Toninelli: "La Guardia Costiera libica così potrà coprire meglio il proprio tratto di mare e potrà cercare e salvare meglio i migranti presenti sui barconi alla deriva"

Il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ha annunciato che il governo italiano fornirà alle autorità libiche nuovi mezzi per rafforzare le operazioni di contrasto alle partenze dei barconi carichi di migranti.

Toninelli lo ha reso noto con una video-diretta su Facebook, accompagnata da un post scritto, martedì 26 giugno 2018.

“Stamattina ho parlato al telefono con il mio omologo della Libia, Milad Maatuq, e gli ho dato la mia disponibilità a rafforzare la Guardia Costiera libica con nuove motovedette italiane, in modo da pattugliare meglio i loro mari e contrastare più efficacemente le partenze dei barconi della morte”, ha scritto il ministro.

“Maatuq si confronterà con il suo collega alla Difesa e farà sapere quanto prima al nostro governo quali sono le loro necessità in termini di dotazione di mezzi”.

La notizia è stata meglio precisata nel corso della diretta video.

“Come sapete, ieri il ministro dell’Interno libico ha detto no agli hotspot in Libia, ma io ho voluto andare avanti e questa mattina ho parlato con il mio omologo libico e abbiamo deciso di fornire nuovi mezzi italiani alla Libia che possono essere utilizzati per pattugliare le coste libiche e impedire le partenze dei barconi della morte”, ha affermato Toninelli.

“La Guardia Costiera libica così potrà coprire meglio il proprio tratto di mare e potrà cercare e salvare meglio i migranti presenti sui barconi alla deriva. Ovviamente gli daremo anche l’addestramento, così potranno operare al meglio con le nostre nuove motovedette”, ha spiegato il ministro.

Toninelli ha poi difeso il modus operandi adottato finora delle autorità libiche.

“La Libia è giuridicamente riconosciuta a livello internazionale perché esiste un progetto che punta a rafforzare la gestione della loro Sar e per questo motivo la Guardia Costiera italiana demanda a quella libica il coordinamento delle operazioni in quel tratto di mare”, ha dichiarato.

“Non voglio sentir parlare di disumanità. Volevo aggiornarvi su questo punto, ora noi abbiamo solo bisogno di sapere dalla Libia ora di quante dotazioni hanno bisogno e di che tipo di addestramento. Questa è una buona notizia per l’Italia e per l’Unione europea”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Ti potrebbe interessare
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati
Esteri / Il Brasile ha affondato nell’oceano una vecchia portaerei piena di amianto e rifiuti tossici
Esteri / Bobi è il cane più vecchio del mondo: ha 30 anni
Esteri / La figlia di Madonna, Lourdes Leon Ciccone, è stata cacciata dalla sfilata di Marc Jacobs
Esteri / Guerra in Ucraina, Medvedev: “Useremo nucleare se Kiev colpisce regioni russe”
Esteri / Pentagono: un altro pallone-spia cinese, sull’America Latina