Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Master in giornalismo alla Lumsa: al via il nuovo biennio, tra i docenti Floris e Lirio Abbate

Immagine di copertina
Dallo scorso anno il Master della LUMSA si è dotato di nuove strumentazioni digitali, dalla regia professionale a uno studio tv con telecamere remotate e “digiwall”

Iscrizioni entro il 30 luglio

Diventare giornalista professionista. Un sogno che si può realizzare grazie al Master in Giornalismo della LUMSA, riconosciuto dall’Ordine dei giornalisti e che permette di accedere subito all’Esame di Stato.

Il nuovo biennio avrà inizio il prossimo ottobre, ma il bando scade già il prossimo 30 luglio. Possono partecipare alle selezioni, che si terranno nella prima settimana di settembre, laureati triennali o magistrali ma anche i laureandi che conseguano il titolo entro agosto.

Dallo scorso anno il Master della LUMSA si è dotato di nuove strumentazioni digitali, dalla regia professionale a uno studio tv con telecamere remotate e “digiwall” per infografiche e approfondimenti, dalla radio a pc con programmi di montaggio e video-editing. Strumenti fondamentali per entrare subito nella realtà lavorativa già durante i laboratori e per avere una marcia in più durante gli stage che si tengono nelle principali testate giornalistiche italiane, da Repubblica all’Espresso, da Sky alla Rai.

Per circa 700 ore all’anno, cinque giorni alla settimana, lo studente è letteralmente immerso in una vera redazione. E come in ogni redazione che si rispetti, lavora in squadra a un prodotto giornalistico quotidiano che si trasforma in notiziario online e di agenzia, telegiornale, giornale radio, magazine, video-inchieste, gallery fotografiche. Un giornalista che fa tutto: trova le notizie, le scrive, trasforma i take dell’agenzia ANSA in articoli, realizza servizi radiotelevisivi. Non una simulazione, dunque, ma un vero e proprio esercizio della professione.

Il Master vanta un corpo docenti composto da oltre quaranta accademici e professionisti, tra i quali si sono appena aggiunti il giornalista televisivo Giovanni Floris, il vicedirettore dell’Espresso Lirio Abbate, il conduttore di Radio Anch’Io Giorgio Zanchini e i fotoreporter Pietro Masturzo e Francesco Zizola.

Tra i docenti confermati, tra gli altri, il direttore dell’Ansa Luigi Contu e il linguista Francesco Sabatini. A ciò si aggiungono anche i seminari che nello scorso biennio hanno visto la partecipazione del direttore di Internazionale Giovanni De Mauro e Milena Gabanelli.

Lo scorso 14 giugno si è tenuto nei locali del Master l’Open Day con la partecipazione, tra gli altri, di Lucia Annunziata. Gli aspiranti giornalisti hanno potuto vedere i locali e le attrezzature oltre che trovare informazioni pratiche su come vengono svolti i laboratori e le lezioni.

Per iscriversi ai test selettivi è sufficiente scaricare il bando e la domanda di ammissione su www.lumsanews.it. La domanda dovrà essere inviata con tutta la documentazione richiesta entro il 30 luglio.

CONTENUTO SPONSORIZZATO

Ti potrebbe interessare
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Ti potrebbe interessare
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia