Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libia, telefonata Conte-Trump: “Serve soluzione diplomatica”

Immagine di copertina
Credit: SAUL LOEB / AFP

Mentre la crisi in Libia continua ad acuirsi non si ferma il lavoro delle cancellerie per cercare di raggiungere un cessate il fuoco nel paese africano.

È in questo contesto che si inserisce la telefonata tra il premier Giuseppe Conte e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump: obiettivo comune trovare una “soluzione politica” alla crisi libica.

A riferire della conversazione telefonica tra i due leader sono state fonti vicine al premier Conte, che hanno specificato come al centro del colloquio vi sia stata proprio il dossier libico e la necessità di un intervento diplomatico.

Il presidente degli Stati Uniti, hanno spiegato ancora le fonti citate da Agi, ha anche ribadito la sua fiducia nel lavoro svolto dall’Italia nel paese africano. Il premier Conte ha invece chiesto a Trump un impegno maggiore degli Usa nella risoluzione del conflitto.

Il primo ministro ha più volte affermato che l’unica soluzione possibile alla crisi libica è quella diplomatica e non delle armi.

Il 20 aprile è attesa la nuova informativa di Conte al Senato proprio sul dossier libico.

La situazione in Libia – Intanto prosegue l’avanzata del maresciallo Khalifa Haftar sulla capitale Tripoli.

Il 17 aprile le milizie fedeli al premier del Governo di accordo nazionale, Fayez al Sarraj, ha risposto all’offensiva con tre raid aerei su Gharian e Ain Zara, a sud di Tripoli.

La notizia è stata data dal Libyan Address Journal, che cita il portavoce delle forze di Haftar, il generale Ahmed Al-Mesmari.

Nella stessa giornata l’area di bin Ghashir, a sud della capitale è stato colpita da razzi che hanno causato gravi danni.

Tra gli edifici distrutti nelle ultime offensive anche la clinica Al-Afia, che sorge nella zona di Al-Sabia, che come la parte meridionale di Qasr bin Ghashir è sotto il controllo delle milizie di Haftar.

I razzi lanciati da Serraj hanno danneggiato il generatore di elettricità e distrutto tre ambulanze.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Esteri / Unicef: "Sono i bambini di Gaza a pagare il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche
Esteri / L’Lsd sarà legale negli Usa: “Può curare malattie mentali gravi”