Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Cucchi: chiesto processo a 8 carabinieri per depistaggio

Immagine di copertina

Il 17 aprile la procura di Roma ha chiesto un processo per otto militari dell’Arma nell’ambito dell’inchiesta sui depistaggi relativi al pestaggio e alla morte di Stefano Cucchi.

>“Calci in faccia e sulla schiena”: il racconto shock del pestaggio di Stefano Cucchi

Il geometra di 32 anni è deceduto il 22 ottobre del 2009 all’ospedale Sandro Pertini, sei giorni dopo essere stato arrestato dai carabinieri della stazione Appia per detenzione di stupefacenti.

Gli otto carabinieri sono indagati a vario titolo per i reati di falso ideologico, omessa denuncia, favoreggiamento e calunnia.

A formulare le accuse sono stati i pm Giovanni Musarò e il procuratore Giuseppe Pignatone: ad essere contestate sono le condotte che portarono a modificare le due annotazioni di servizio, redatte il giorno dopo la morte di Cucchi e relative allo stato di salute del ragazzo quando, la notte tra il 15 e 16 ottobre 2009 venne portato alla caserma di Tor Sapienza.

Contestata anche la mancata consegna in originale di quei documenti che la magistratura aveva sollecitato ai carabinieri nel novembre del 2015, quando era appena partita la nuova indagine e i tre agenti della polizia penitenziari erano stati definitivamente assolti dalla Cassazione.

A rischiare il processo sono il colonnello Francesco Cavallo, ufficiale addetto al comando del gruppo Roma al tempo del pestaggio, il colonnello Luciano Soligo, all’epoca dei fatti comandante della Compagnia di Montesacro e da cui dipendeva il comando di Tor Sapienza, Massimiliano Colombo Labriola, luogotenente e comandante di Tor Sapienza, Francesco Di Sano, carabiniere scelto in servizio presso Tor Sapienza. Per loro l’accusa è di falso.

Indagati anche il colonnello  Lorenzo Sabatino, già responsabile del nucleo operativo, e il capitano Tiziano Testarmata, già comandante della quarta sezione del nucleo investigativo con l’accusa di favoreggiamento e omessa denuncia.

Luca De Cianni, militare autore di una nota di pg, deve invece rispondere di falso e calunnia ai danni del supertestimone, il collega Riccardo Casamassima.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, la protezione civile: “Tenere finestre chiuse”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, la protezione civile: “Tenere finestre chiuse”
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Natale in zona gialla: rischiano Lazio, Lombardia e Veneto
Cronaca / Torino, carabiniere tenta di sventare una rapina e viene accoltellato: fermato un 16enne
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Cronaca / Greta Beccaglia, parla l’uomo che ha molestato la giornalista: “Non sto bene per quello che ho fatto, voglio incontrarla”
Cronaca / Scuola, marcia indietro del governo: torna la didattica a distanza anche al primo positivo
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Cronaca / Covid, oggi 7.975 casi e 65 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Trasporti pubblici gratis per combattere l’inquinamento: l’esperimento al via a Genova