I due murales apparsi sul muro di Betlemme che raffigurano Donald Trump
Condividi su:

I due murales apparsi sul muro di Betlemme che raffigurano Donald Trump

04 Ago. 2017  

Due enormi murales che mostrano il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sono apparsi sulla barriera di separazione tra Israele e la Cisgiordania, a pochi metri dall’hotel che l’artista britannico Banksy ha decorato all’inizio del 2017.

Le nuove opere somigliano a quelle dell’artista britannico e si trovano sul lato della barriera nella città di Betlemme, dove il muro è costituito soprattutto da lastre di calcestruzzo.

In uno dei due murales, Trump abbraccia e bacia una vera e propria torre di guardia dell’esercito israeliano incorporata all’interno del muro. Alcuni piccoli cuori rosa escono dalla bocca del presidente degli Stati Uniti.

Nell’altro invece, Trump è raffigurato con una kippah ebraica mentre appoggia una mano sul muro. Il disegno riprende una foto del presidente durante la sua visita del maggio 2017 al Muro del pianto di Gerusalemme, il luogo più sacro dell’ebraismo.

Un fumetto recita: “Ti costruirò un fratello”, un possibile riferimento ai piani di Trump di costruire un muro anti-migranti tra gli Stati Uniti e il Messico.

Non è chiaro se i nuovi murales siano in realtà opera di Banksy.

I nuovi graffiti si trovano però a pochi metri da “The Walled Off Hotel”, un albergo aperto all’inizio del 2017 e decorato dall’artista britannico.

L’hotel di nove camere è pieno di murales di Banksy, tra cui uno in particolare, all’interno della cosiddetta Banksy’s Room, che mostra un ragazzo palestinese mascherato e un soldato israeliano con un casco impegnati in una battaglia di cuscini.

Israele ha iniziato a costruire la barriera poco più di dieci anni fa, a seguito di una rivolta armata da parte dei palestinesi.

Il governo di Tel Aviv sostiene che che la barriera divisoria è necessaria per impedire agli attentatori suicidi e ai terroristi di penetrare in Israele.

I palestinesi dicono invece che la barriera, che si estende per circa il 10 per cento della Cisgiordania, è un pretesto per togliere loro ulteriori fette di terra e lo considerano un simbolo dell’occupazione.

– LEGGI ANCHEIl video che mostra gli interni dell’hotel dipinto da Banksy a Betlemme