Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Milano

Lombardia, maximulta a Trenord per i disservizi sui pendolari: “Ennesimo capolavoro della Regione”

Immagine di copertina
La nuova biglietteria di Trenord in stazione Centrale a Milano, inaugurata lo scorso settembre. ANSA/Mourad Balti Touati

Il ricorso supportato dall'associazione Codici ha portato a una multa di 30mila euro. Bussolati (Pd): "Da anni denunciamo i gravi disservizi di Trenord nel Consiglio regionale della Lombardia"

Lombardia, Trenord sanzionata

“Si è concluso con il successo dell’associazione Codici e dei pendolari il procedimento avviato dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti nei confronti di Trenord“, così l’ente a tutela dei diritti dei cittadini annuncia in un comunicato. “Si tratta di controlli finalizzati alla verifica del rispetto dei diritti dei passeggeri, soprattutto quelli con mobilità ridotta, e del corretto riconoscimento del diritto all’indennizzo in materia di abbonamenti e, più in generale, a livello di tempistiche. Avviato nel dicembre scorso, l’intervento ha prodotto una sanzione di 30mila euro nei confronti dell’azienda”.

Il Segretario nazionale Ivano Giacomelli aggiunge: “Abbiamo portato all’attenzione dell’Autorità i disagi e le segnalazioni dei viaggiatori e accogliamo con soddisfazione l’esito delle verifiche, che confermano quanto da noi denunciato. Alla base della sanzione, infatti, c’è il mancato adeguamento da parte di Trenord ad alcune misure molto importanti della delibera numero 106/2018. Nello specifico, una riguarda il rimborso e l’indennizzo dei viaggiatori con disabilità o mobilità ridotta per il biglietto acquistato per una corsa indicata come fruibile per loro e resa, invece, con materiale non idoneo oppure sostituita con autoservizio sostitutivo o integrativo non accessibile o non idoneo”.

“Un’altra misura, invece, è riferita al riconoscimento ad un indennizzo adeguato per i titolari di un abbonamento che incorrono in un susseguirsi di ritardi o soppressioni. Infine, la terza misura contestata riguarda il riconoscimento ai titolari di abbonamento mensile o annuale un indennizzo per ciascun mese in cui un numero di treni pari o superiore al 10% di quelli programmati subisca un ritardo superiore a 15 minuti o venga soppresso. L’indennizzo è pari al 10% dell’abbonamento mensile e a 1/12 del 10% dell’abbonamento annuale. Naturalmente per noi non finisce qui. Stiamo, infatti, predisponendo una diffida inibitoria nei confronti di Trenord”.

La questione è stata commentata anche dal consigliere regionale del Pd Pietro Bussolati, che da tempo conduce una campagna finalizzata a segnalare le problematiche dei pendolari lombardi: “Da anni denunciamo i gravi disservizi di Trenord in Consiglio regionale. Questa sanzione è l’ennesima riprova che le cose non funzionano e che la società e Regione Lombardia non si sono dimostrate in grado di garantire ai lombardi un trasporto pubblico sicuro, efficiente e puntuale, anche verso le categorie più deboli. Noi non smetteremo di lottare in ogni sede perché tutti i cittadini lombardi possano vedere riconosciuto il diritto a un servizio di trasporto ferroviario di qualità, ma occorre che la Regione prenda atto del fallimento delle sue politiche e cambi davvero rotta, a partire da un’assessora ai trasporti che, per allontanare le proprie responsabilità, è riuscita a dire in diretta su una rete TV nazionale che Regione Lombardia avrebbe il solo compito di programmare l’orario dei treni. Non è così e lo sanno anche i bambini. Bisogna cambiare tutto”, scrive l’esponente Dem in una nota.

Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Cronaca / “Vietato vestirsi da prostituta”: fa discutere il regolamento leghista di un comune del milanese
Milano / 25 Aprile: che mondo sarebbe senza Liberazione? Il video con Massimiliano Loizzi e Cochi Ponzoni
Milano / Milano, Salvini telefona ad Albertini: “Sfida tu Sala”. Ma i sondaggi bloccano l’ex sindaco
Milano / Elezioni comunali, Milano: gli errori della sinistra e una città da ricostruire dopo il Covid (di Louise and Me)
Milano / Regione Lombardia: Mirabelli annuncia un’interrogazione sulla nomina di Cordone
Cronaca / San Siro, le radici del disagio: nel buio della politica, l’unica luce è il volontariato