Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Milano

Sopralluogo di Gallera a Malpensa: “Pronti a fare tamponi a chi arriva dalla Francia”

Immagine di copertina
L'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera (foto Ansa)

L'assessore al Welfare dichiara che la Lombardia è pronta a eseguire test su chi proviene da Paesi a rischio, ma servono accordi internazionali. Per il ministro Speranza servono controlli reciproci tra le nazioni UE

“Siamo pronti a fare tamponi anche a coloro che arrivano dalla Francia o da altri Paesi, anche se evidentemente questo è un accordo che va fatto a livello nazionale, ma noi siamo pronti ad attuarlo”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, a margine del sopralluogo di questa mattina all’aeroporto di Malpensa dove sono allestiti i gazebo in cui vengono effettuati i test per individuare il Coronavirus per chi rientra dai Paesi a rischio, modello già adottato per Grecia, Malta, Croazia e Spagna”.

Nelle scorse settimane, come riportato da TPI, i test effettuati a Malpensa e negli altri scali milanesi erano partiti con notevoli difficoltà, salvo poi andare a regime con migliori risultati. Oggi Gallera spiega che: “Siamo l’hub aeroportuale che fa il maggior numero di tamponi al giorno, con grande efficienza”, precisando che “sono ampiamente rodati, ieri ne abbiamo fatti 2.000”, e “la prenotazione viene fatta online, quindi le persone attendono pochissimo”.

Rispetto alla necessità di accordi internazionali per l’effettuazione di tamponi su chi viaggia tra Paesi a rischio, già ieri il Ministro della Salute Roberto Speranza aveva proposto una serie di controlli reciproci alle altre nazioni UE: “Tamponi all’arrivo, divieto di accesso e transito, obbligo di quarantena”.

“Quando prendi una misura del genere, il paese coinvolto attualmente lo vive in maniera poco friendly. Io dico: visto che dobbiamo convivere col virus per svariati mesi, lavoriamo sulla reciprocità delle misure e tra grandi paesi europei diamo il buon esempio. Facciamoci i test reciprocamente a partire dagli aeroporti. Cioè: se uno dall’Italia va a Madrid o Parigi, viene testato all’arrivo e così uno che dalla Spagna o dalla Francia arriva in Italia. Chiaramente la misura va attuata a tutti i cittadini, indipendentemente dalla nazionalità”, aveva detto Speranza in un’intervista all’Huffington Post.

Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Cronaca / “Vietato vestirsi da prostituta”: fa discutere il regolamento leghista di un comune del milanese
Milano / 25 Aprile: che mondo sarebbe senza Liberazione? Il video con Massimiliano Loizzi e Cochi Ponzoni
Milano / Milano, Salvini telefona ad Albertini: “Sfida tu Sala”. Ma i sondaggi bloccano l’ex sindaco
Milano / Elezioni comunali, Milano: gli errori della sinistra e una città da ricostruire dopo il Covid (di Louise and Me)
Milano / Regione Lombardia: Mirabelli annuncia un’interrogazione sulla nomina di Cordone
Cronaca / San Siro, le radici del disagio: nel buio della politica, l’unica luce è il volontariato