Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Milano

Milano piange Carlo Tognoli: l’amatissimo ex Sindaco ucciso dal Covid-19

Immagine di copertina
Milan's Mayor Carlo Tognoli attends the" Festa dell'Unità", Milan, Italy, 28 August 1986. ANSA/OLDPIX

Milano piange Carlo Tognoli, uno dei sindaci più amati della sua storia e definito “un maestro” dall’attuale primo cittadino Beppe Sala. Classe 1938, è mancato a 82 anni, a causa del Covid-19.

Fu Sindaco per due mandati, dal 1976 al 1986, entrando per la prima volta a Palazzo Marino a soli 38 anni. Al suo nome è legata un’era di grandi trasformazioni della città, passata rapidamente dalla tensione degli anni di piombo alla grandeur della “Milano da bere”, che proprio a metà degli anni ’80 ebbe il suo apice.

Nella città che ancora oggi fatica a fare i conti con l’era del craxismo, Tognoli viene invece ricordato con affetto da figure molto distanti tra loro, da Giuliano Pisapia a Silvio Berlusconi, passando per Attilio Fontana. Profondamente legato alla cultura socialista e riformista (i suoi figli si chiamano Filippo e Anna, in omaggio a Turati e Kuliscioff), venne toccato come molti protagonisti di quella fase storica dallo scandalo di “Tangentopoli”, con la significativa differenza che ne uscì da innocente.

Apprezzato sia per il rigore morale che per la capacità di precorrere i tempi (fu lui a chiudere il centro storico al traffico, con 35 anni di anticipo sui suoi successori), nella sua parabola politica ricoprì altre cariche molto importanti: parlamentare italiano ed europeo, nonché ministro per i Problemi delle aree urbane nei governi di Giovanni Goria e di Ciriaco De Mita, dal 1987 al 1989, e ministro per il Turismo e lo Spettacolo nell’ultimo governo di Giulio Andreotti, tra il 1990 e il 1992.

In particolare, però, il suo ricordo rimarrà legato in modo indissolubile alla trasformazione di Milano, dagli anni del terrorismo a quello dei creativi pubblicitari. E oggi, purtroppo, all’epoca del Covid-19, che sta facendo strage di tanti cittadini. Compreso il suo compianto ex Sindaco.

Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Cronaca / “Vietato vestirsi da prostituta”: fa discutere il regolamento leghista di un comune del milanese
Milano / 25 Aprile: che mondo sarebbe senza Liberazione? Il video con Massimiliano Loizzi e Cochi Ponzoni
Milano / Milano, Salvini telefona ad Albertini: “Sfida tu Sala”. Ma i sondaggi bloccano l’ex sindaco
Milano / Elezioni comunali, Milano: gli errori della sinistra e una città da ricostruire dopo il Covid (di Louise and Me)
Milano / Regione Lombardia: Mirabelli annuncia un’interrogazione sulla nomina di Cordone
Cronaca / San Siro, le radici del disagio: nel buio della politica, l’unica luce è il volontariato