Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Milano

Milano Fashion Week, la protesta di PETA: “Le pellicce portano il Covid-19”

Immagine di copertina

Manifestazione in Piazza Duomo per sensibilizzare le grandi firme della moda. Alcune di loro, da Armani a Versace, hanno già smesso di utlizzare le pellicce nelle loro collezioni

Alla luce delle recenti scoperte che visoni sono risultati positivi al Covid-19 negli allevamenti di animali da pelliccia in Danimarca, negli Stati Uniti, nei Paesi Bassi e in Spagna – e che si pensa che anche i dipendenti abbiano contratto il virus dagli animali – i manifestanti della PETA hanno indossato tute protettive ispirate all’alta moda e si sono riuniti in Piazza Duomo per sollecitare la Camera Nazionale della Moda Italiana a vietare l’uso delle pellicce alla Settimana della Moda. L’azione segue una lettera della PETA al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai ministri della Salute, dell’Agricoltura e dell’Ambiente per chiedere il divieto di allevare animali da pelliccia. I manifestanti fanno notare che i visoni possono diffondere o trasmettere un’ampia varietà di batteri e virus zoonotici, tra cui LA-MRSA, epatite E, influenza e salmonella, e che quando si tratta di rischio per la salute pubblica, gli allevamenti di animali da pelliccia non sono diversi dal mercato di animali vivi in cui si ritiene abbia avuto origine il coronavirus. In queste strutture, i visoni vengono stipati vicini gli uni agli altri in file di gabbie della rete metallica, e lo scambio di fluidi corporei infetti facilita la diffusione della malattia.

“Gli allevamenti da pelliccia sono orribilmente crudeli con gli animali e sono terreno fertile per malattie zoonotiche” afferma la Vicepresidente dei Programmi Internazionali della PETA Mimi Bekhechi. “La PETA chiede alla Camera Nazionale della Moda Italiana di aiutare nel creare una nuova nella moda era dove i sensibili visoni non vengono tormentati e uccisi per le loro pellicce”.

Le indagini negli allevamenti di visoni italiani hanno rivelato animali rinchiusi in piccole gabbie di rete metallica, senza accesso all’erba o all’acqua per nuotare. Molti erano gravemente feriti e altri con lesioni da automutilazioni causate dallo stress della vita in cattività. Alla fine delle loro miserabili vite, generalmente vengono uccisi col gas. Gli stilisti italiani Gucci, Furla, Armani, Versace, Elisabetta Franchi e Prada hanno smesso di utilizzare le pellicce. Anche l’icona della moda Anna Dello Russo non indossa più le pellicce e altre celebrità, inclusa Elisabetta Canalis, hanno preso posizione contro il loro utilizzo. La PETA – il cui motto recita in parte che “gli animali non sono nostri da indossare” – si oppone allo specismo, una visione del mondo basata sulla supremazia umana.

Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Cronaca / “Vietato vestirsi da prostituta”: fa discutere il regolamento leghista di un comune del milanese
Milano / 25 Aprile: che mondo sarebbe senza Liberazione? Il video con Massimiliano Loizzi e Cochi Ponzoni
Milano / Milano, Salvini telefona ad Albertini: “Sfida tu Sala”. Ma i sondaggi bloccano l’ex sindaco
Milano / Elezioni comunali, Milano: gli errori della sinistra e una città da ricostruire dopo il Covid (di Louise and Me)
Milano / Regione Lombardia: Mirabelli annuncia un’interrogazione sulla nomina di Cordone
Cronaca / San Siro, le radici del disagio: nel buio della politica, l’unica luce è il volontariato