Covid ultime 24h
casi +15.746
deceduti +311
tamponi +253.100
terapie intensive -3

Manifestazioni a Milano per il commissariamento della Sanità e la riapertura dei teatri

Di Lorenzo Zacchetti
Pubblicato il 27 Mar. 2021 alle 13:59
21
Immagine di copertina
Una cinquantina di persone, tra lavoratori del coordinamento spettacolo della Lombardia e studenti, questa mattina ha occupato il cortile del Teatro Grassi di via Rovello, in pieno centro a Milano, 27 marzo 2021. Per l'azione di protesta contro la chiusura delle istituzioni culturali hanno scelto - spiegano - una data non casuale: oggi Ë infatti la giornata mondiale del teatro. ANSA/ UFFICIO STAMPA +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

“Sanità, istruzione, cultura: rivogliamo tutto”: la scritta comparsa su uno degli striscioni appesi dagli manifestanti riuniti al Teatro Grassi di Milano sintetizza bene lo stato d’animo di una città che anela il ritorno alla normalità.

Dopo le numerose iniziative di protesta contro la didattica a distanza, nella mattina di sabato 27 marzo due iniziative hanno messo in luce altrettanti punti critici. Nella centralissima sede di via Rovello, a due passi dal Duomo, una cinquantina di esponenti del coordinamento spettacolo della Lombardia e studenti ha occupato il cortile del Teatro Grassi come forma di protesta per il lungo stop imposto dalla pandemia di Covid-19 ai luoghi di cultura. La data scelta non è casuale: il 27 marzo è la Giornata mondiale del Teatro, uno degli ambiti più fortemente penalizzati dalla crisi sanitaria.

Resta tuttavia centrale la questione sanitaria, dopo le (ennesime) polemiche degli scorsi giorni sull’operato di Regione Lombardia. Sul cavalcavia Bussa, in zona Garibaldi, è stato esposto uno striscione con l’invocazione “Commissariate la sanità Lombarda”. L’iniziativa è stata organizzata da Milano in Comune, il cui candidato sindaco Gabriele Mariani commenta: “La situazione in Lombardia è fuori controllo. E’ il momento che il governo intervenga per salvare la campagna vaccinale e mettere al sicuro chi vive in questa regione”.

“Serve anche un intervento capillare di prevenzione sul territorio e molti sindaci stanno già intervenendo direttamente. Aspettiamo quello di Milano”, aggiunge, riaccendo la polemica nei confronti di Beppe Sala, a conferma di una strategia di campagna già piuttosto evidente da qualche tempo.

Lo striscione “Commissariate la Sanità lombarda” sul cavalcavia Bussa (foto: Milano in Comune)

Leggi anche: 1. Un consigliere di Aria Spa rivela a TPI: “Fontana manda via noi ma promuove il direttore generale. Così serve a poco” / 2. Vaccini, dopo le rivelazioni del consigliere di Aria a TPI, Regione Lombardia risponde: “Solo problemi tecnici” / 3. È ora di commissariare la Sanità lombarda: lettera al ministro Speranza

21
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.