Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Milano

Emergenza-fame a Milano: online la graduatoria dei 13.754 beneficiari dei buoni spesa del Comune

Immagine di copertina
Gabriele Rabaiotti, assessore alle politiche abitative e sociali del Comune di Milano

Gabriele Rabaiotti, assessore alle politiche sociali e abitative: "Abbiamo cercato di raggiungere le persone che hanno perso il lavoro o che comunque hanno subìto una pesante caduta di reddito”

Saranno in totale 13.754 le famiglie milanesi che potranno beneficiare dei buoni spesa che il Comune ha deciso di distribuire a quanti si trovano in difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus.

La graduatoria è stata pubblicata questa mattina sul sito del Comune a questo link. Il primo blocco, formato da 13.475 nuclei familiari, sarà immediatamente finanziato; nei prossimi giorni l’Amministrazione valuterà altre circa 300 posizioni già ammesse in graduatoria.

Tutti coloro che hanno presentato domanda entro il termine stabilito del 15 aprile (nel complesso circa 36mila persone), sia gli ammessi sia gli esclusi per mancanza di requisiti, riceveranno nell’arco di qualche ora una email o un sms di risposta da parte dell’Amministrazione. Nel caso di ammissione saranno fornite le istruzioni su come procedere per l’attivazione del buono.

“Con questa operazione – interviene l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti – abbiamo cercato di raggiungere le persone che l’emergenza in corso ha reso più vulnerabili, che hanno perso il lavoro o comunque hanno subìto una pesante caduta di reddito, e di farlo il più in fretta possibile, consapevoli di quanto la crisi stia pesando”.

Il totale degli ammessi in graduatoria, in possesso dei requisiti richiesti per l’accesso, conta 15.370 nuclei familiari. Ma, al termine delle operazioni di finanziamento, circa 1.600 non potranno ricevere il buono per esaurimento dei fondi: “Per tutti loro – spiega ancora Rabaiotti – stiamo valutando di offrire la possibilità di ricevere il pacco alimentare tramite il dispositivo Aiuto alimentare basato sugli hub già attivi”.

Come modalità di erogazione del contributo, i beneficiari hanno potuto scegliere tra la carta prepagata Soldo e la app Satispay da scaricare sul proprio smartphone.

Quanti hanno optato per quest’ultimo strumento riceveranno a breve un sms per l’accredito dei buoni (in caso fossero già utenti Satispay), oppure con le istruzioni per attivare l’app con un link per scaricare l’applicazione e un codice di primo accesso per ricevere l’accreditamento. L’elenco degli oltre 300 tra supermercati ed esercizi alimentari convenzionati in cui poter fare la spesa sarà visibile sulla stessa app, oltre che sul sito del Comune.

Chi invece ha scelto la carta prepagata Soldo, che funziona come una normale carta di credito, la riceverà direttamente a casa propria nei prossimi giorni da parte di pattuglie della Polizia locale e squadre della Protezione civile. Anche in questo caso, l’attivazione dei buoni avverrà tramite l’invio di un sms con il pin della carta, che sarà spendibile in tutti i supermercati ed esercizi di generi alimentari che si appoggiano al circuito Mastercard.

La data di scadenza sia per le prepagate sia per la app è fissata al 30 novembre, dopodiché entrambi gli strumenti verranno disattivati.

L’importo del contributo ammonta a 150 euro al mese per due mesi nel caso la famiglia beneficiaria non superi i tre componenti, e a 350 euro mensili per due mesi in caso di famiglia più numerosa. Nel complesso, la parte del fondo statale messa a disposizione dall’Amministrazione per questa misura ammonta a oltre 5,848 milioni di euro.

I beneficiari del contributo, come da requisiti richiesti, sono tutti nuclei familiari residenti a Milano, monoreddito o privi di reddito, che vivono in affitto o pagano il mutuo per la prima casa, con una disponibilità sul conto corrente non superiore a 5mila euro al 31 marzo 2020 e che hanno un reddito complessivo familiare inferiore ai 20mila euro o ai 40mila nel caso avessero perso il lavoro a causa dell’emergenza dopo il 1° febbraio 2020.

Ti potrebbe interessare
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Ti potrebbe interessare
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Cronaca / “Vietato vestirsi da prostituta”: fa discutere il regolamento leghista di un comune del milanese
Milano / 25 Aprile: che mondo sarebbe senza Liberazione? Il video con Massimiliano Loizzi e Cochi Ponzoni
Milano / Milano, Salvini telefona ad Albertini: “Sfida tu Sala”. Ma i sondaggi bloccano l’ex sindaco
Milano / Elezioni comunali, Milano: gli errori della sinistra e una città da ricostruire dopo il Covid (di Louise and Me)
Milano / Regione Lombardia: Mirabelli annuncia un’interrogazione sulla nomina di Cordone
Cronaca / San Siro, le radici del disagio: nel buio della politica, l’unica luce è il volontariato
Milano / Retroscena TPI – Nel M5S si pensa a Toninelli come candidato presidente della Lombardia