Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Milano

Covid-19, il Comune di Milano distribuisce 850mila mascherine gratuite alle famiglie

Immagine di copertina
La Vicesindaco di Milano Anna Scavuzzo Credit: ANSA/Mourad Balti Touati

L'accordo tra Palazzo Marino, Azienda Farmacie Milanesi S.p.A. e Federfarma Milano permetterà di consegnare i DPI a circa 53.000 nuclei iscritti a Milano Ristorazione

A partire dal 7 settembre saranno circa 53.000 i nuclei familiari cui il Comune di Milano assegnerà 850.000 mascherine chirurgiche gratuite, attraverso 315 farmacie della città. L’accordo con la società Azienda Farmacie Milanesi S.p.A. e Federfarma Milano prevede la distribuzione di mascherine di comunità e di altre eventuali misure di protezione a favore della cittadinanza in relazione all’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Sono oltre due milioni le mascherine (in parte provenienti da donazioni e in parte dalla Protezione Civile) già oggi distribuite dal Comune di Milano sia a commercianti, taxisti, rider, edicolanti, associazioni di pubblica assistenza e realtà del Terzo settore, sia consegnate direttamente a casa alle famiglie milanesi che erano seguite dal Dispositivo di Aiuto Alimentare, a quelle a cui è stato consegnato il buono spesa, a quante vivono negli immobili ERP, gestiti da MM e ALER, e tramite i Medici di medicina generale e i Pediatri di libera scelta.

Su questo solco la Giunta ha approvato a giugno l’atto di indirizzo politico per promuovere un dispositivo di distribuzione diffuso sul territorio, affidabile e capace di essere di riferimento per tutti i cittadini milanesi: grazie all’accordo con le farmacie milanesi sarà possibile dunque assegnare a titolo gratuito mascherine di comunità (e in futuro eventualmente anche altro materiale di protezione) frutto di donazioni o trasferimenti dalla Protezione Civile nazionale e regionale.

“Avviamo con questo accordo un’ulteriore collaborazione per la distribuzione di mascherine gratuite alle famiglie – commenta la Vicesindaco Anna Scavuzzo –. Oggi il reperimento delle chirurgiche non è più un’impresa complessa come nei mesi passati, ma abbiamo ritenuto opportuno rafforzare la rete di distribuzione per la cittadinanza dei presìdi che ci sono stati assegnati. L’uso delle mascherine è previsto anche per i prossimi mesi, a maggior ragione con la ripresa di molte attività a settembre, prima fra tutte quella delle scuole. Grazie alla disponibilità delle Farmacie milanese saranno distribuite ora oltre 850.000 mascherine”.

“Siamo particolarmente soddisfatti di questa iniziativa – afferma Domenico Laporta, Amministratore Delegato del Gruppo Admenta che gestisce le Farmacie Comunali-LloydsFarmacie di Milano – che ha visto il coordinamento di diversi attori e la collaborazione tra pubblico/privato per un fine comune, ovvero garantire la salute dei cittadini attraverso il reperimento e l’approvvigionamento di adeguate protezioni. Ancora una volta le Farmacie si dimostrano attive e partecipi nel confermare il loro ruolo fondamentale di presidio sanitario sul territorio”.

“Caratteristica fondamentale della rete delle farmacie è la capillarità; sono felice che per questa iniziativa siano state coinvolte tutte le farmacie di Milano – aggiunge Annarosa Racca Presidente di Federfarma Lombardia – così ogni famiglia potrà essere indirizzata proprio alla farmacia più vicina a casa, seguendo il principio consolidato in questa emergenza di non impegnare i cittadini in spostamenti inutili ma di portare l’assistenza il più vicino possibile alle persone. Le farmacie continueranno a dare servizi e a collaborare con il Comune di Milano e con tutte le Istituzioni e lo hanno ampiamente dimostrato durante questa pandemia”.

La delibera approvata prevede che i cluster di destinatari siano individuati tra i nuclei familiari residenti o domiciliati a Milano che vivano in condizioni di disagio economico o sociale, che siano a maggior rischio di contagio (anziani) o che abbiamo familiari che riprendano una vita di socialità e di relazione, al di là delle ragioni lavorative (per esempio, famiglie con bambini che stanno per ritornare a scuola). L’atto prevede inoltre che la distribuzione avvenga prioritariamente tramite le farmacie aderenti all’accordo.

Il primo cluster individuato riguarda dunque circa 170mila cittadini: si tratta di circa 53mila nuclei familiari residenti nel Comune di Milano e con bambini sopra i 6 anni iscritti alla refezione scolastica di Milano Ristorazione. A ogni nucleo familiare sono destinate 5 mascherine per ogni componente, per un totale di circa 850mila, da ritirare nelle farmacie individuate in base al criterio della prossimità.

Il Comune di Milano sta provvedendo a informare le famiglie in merito alla farmacia presso cui potranno recarsi per il ritiro (con codice fiscale), con l’indicazione dei giorni. Per conoscere la farmacia più vicina è sempre possibile utilizzare l’App LloydsFarmacia (per quelle Comunali di Milano) e l’App Farmacia Aperta (per tutte le farmacie di Milano e della Lombardia) , oppure il sito www.farmacia-aperta.eu.

Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Ti potrebbe interessare
Milano / Sindaco di Milano, spunta il nome di Vittorio Feltri: "Ho ricevuto qualche segnale"
Milano / Snam: nuova sede a Milano nel distretto “Symbiosis” di Covivio, iniziativa di rigenerazione urbana a Sud di Porta Romana
Milano / Milano, Albertini si ritira: crescono le azioni di Lupi, ma crollano quelle di Salvini
Milano / Milano, alta tensione nel centrodestra: Salvini e Berlusconi devono scegliere tra Lupi e Albertini
Cronaca / “Vietato vestirsi da prostituta”: fa discutere il regolamento leghista di un comune del milanese
Milano / 25 Aprile: che mondo sarebbe senza Liberazione? Il video con Massimiliano Loizzi e Cochi Ponzoni
Milano / Milano, Salvini telefona ad Albertini: “Sfida tu Sala”. Ma i sondaggi bloccano l’ex sindaco
Milano / Elezioni comunali, Milano: gli errori della sinistra e una città da ricostruire dopo il Covid (di Louise and Me)
Milano / Regione Lombardia: Mirabelli annuncia un’interrogazione sulla nomina di Cordone
Cronaca / San Siro, le radici del disagio: nel buio della politica, l’unica luce è il volontariato