Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il profugo siriano che per ringraziare la Germania offre il pranzo di Natale ai senzatetto di Berlino

Alex Assali è un profugo siriano. È fuggito dalla guerra in Siria nel 2014 e ha trovato una nuova casa in Germania. Da allora vive a Berlino. E da tre anni, per ringraziare il popolo tedesco “per l’accoglienza e la solidarietà” ha dato vita a una campagna dal nome, in inglese, che più chiaro non si può: “Give something back to german people”.

Letteralmente “restituire qualcosa ai tedeschi”.

Da tre anni, ogni settimana e soprattutto a Natale, Assali attraversa Berlino salendo sulla metropolitana della capitale tedesca con un pentolone di zuppa. La sua meta è la centralissima Alexanderplatz “dove” racconta “in mezzo ai turisti vivono più o meno stabilmente i senza fissa dimora”.

E loro sanno che, a pranzo, ogni giorno e a ridosso di Natale, Assali arriva con quel pentolone fumante. “Molti ci conoscono” racconta Assali a Bild, “e ci aspettano”. Gli incontri “sono sempre affettuosi e ti toccano il cuore”.

L’impegno di Assali per i meno fortunati non è passato inosservato ai cittadini di Berlino, tanto che grazie a una petizione “della gente comune, che mi ha conosciuto”, racconta, ha ricevuto un’onorificenza dal senato di Berlino per il suo impegno nel volontariato. Ed è proprio in quell’occasione Assali ha fatto salire sul palco anche la sua compagna tedesca e le ha fatto in pubblico una proposta di matrimonio.

“Non potevo farmi scappare questa possibilità” racconta Assali. “Lei si è messa a piangere davanti a tutti. E io con lei”. Un momento decisamente toccante. Ma “nulla a che vedere con le emozioni che possono lasciarti chi ti dice semplicemente ‘grazie’, sorridendoti, per avergli versato un mestolo di zuppa”.

Piccoli gesti “ma che a Natale assumono un valore ancora più importante”. E a chi gli chiede “perché?”, Assali risponde semplicemente: “Perché la Germania ha fatto tanto per me. E voglio ricambiare con il solo modo che conoscono: occupandomi di chi è meno fortunato di me”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo