Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

“Le celebrità non fanno abbastanza beneficenza”: le accuse del principe William a Davos

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 24 Gen. 2019 alle 12:41 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:35
0
Immagine di copertina

In occasione del World Economic Forum 2019 a Davos, il principe William ha deciso di fare un appello: ha chiesto alle celebrità un maggiore impegno economico in beneficenza per le cause di salute mentale.

William ha detto che ogni celebrità a cui ha chiesto di sostenere l’iniziativa per la salute mentale di “Heads Together” ha sempre rifiutato. Il Duca di Cambridge ha dichiarato al Forum Economico Mondiale di Davos che molte star sono state contattate, ma nessuna voleva essere associata alla malattia mentale.

Le persone preferiscono non parlare di eventi così “orrendi”, un’attitudine stoica trasmessa di generazione in generazione e impiantata nell’immaginario comune. Il principe ha creato “Heads Together”, associazione lanciata per aiutare a combattere lo stigma della salute mentale, nel 2017 con la duchessa di Cambridge e il principe Harry.

Il duca ha raccontato al suo pubblico di uomini d’affari le sue stesse lotte con la salute mentale, affermando che c’è stato un incidente traumatico che non pensava sarebbe mai “finito”.

Ha detto che se non si fosse aperto ai colleghi in merito alla situazione, sarebbe finito “su un pendio scivoloso” mentalmente. Visibilmente emozionato, ha detto che “non è facile parlare dei momenti difficili della propria vita”.

Leggi anche: “Il principe William racconta per la prima volta la sua depressione”

Il tema della salute mentale è un tema importante per la conferenza di Davos di quest’anno, con diverse sessioni sull’argomento. Gli studi mostrano che una persona su quattro soffre di malattie mentali a un certo punto della vita, ma molte persone hanno ancora troppa paura delle conseguenze per denunciare il loro disagio o cercare aiuto.

Nonostante una maggiore volontà di discutere la questione, il principe ha detto che attorno ci sono ancora troppi stereotipi, che significa “troppe persone che soffrono in silenzio”. “Per qualche motivo- ha aggiunto il Duca – le persone sono imbarazzate per le loro emozioni, in particolare per gli inglesi”.

Durante il dibattito, al pubblico è stato chiesto chi si era trovato a contatto con la malattia mentale, o su se tesso o nelle persone vicine affettivamente. Quasi tutti hanno alzato la mano. Il capo della banca HSBC, John Flint, anche nel panel, ha affermato che nel settore bancario “notoriamente competitivo” i problemi di salute mentale erano comuni.

Il duca di Cambridge è stato al forum con il primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, che ha fatto della lotta contro i problemi di salute mentale una priorità per il suo governo. Un fatto triste che in Nuova Zelanda, un piccolo paese con meno di 5 milioni di persone, molti si suicidano ancora per problemi mentali.

Il principe William ha concluso il suo intervento con un chiaro appello: “C’è bisogno di investimenti nel campo della salute mentale, deve essere una priorità”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.