Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Gossip

Un ristorante tedesco ha vietato i bambini per poter mangiare in pace

Immagine di copertina
Il ristorante Oma’s Küche di Binz, in Germania. Credits: Oma’s Küche

Al ristorante Oma’s Küche di Binz, sulla costa tedesca che dà sul Mar Baltico, dopo le 5 del pomeriggio i bambini sotto i 14 anni non possono entrare

Il ristorante Oma’s Küche del villaggio di Binz, sull’isola tedesca di Rügen che dà sul Mar Baltico, ha una regola interna che l’ha reso molto popolare: dopo le 5 del pomeriggio, i bambini sotto i 14 anni non possono mangiare nel locale.

“Gli ospiti si lamentavano che volevano passare una bella serata, con una cena e una bottiglia di vino, e che ogni volta i bambini rovinavano i loro piani”, ha raccontato a Quartz il proprietario di Oma’s Küche (“La cucina della nonna”) Rudolf Markl. “Lanciavano il cibo, giocavano per tutto il locale, gridavano forte, si nascondevano sotto ai tavoli. E gli altri ospiti hanno perso la pazienza”.

Markl gestisce il ristorante da 11 anni e dice di aver notato che il comportamento dei bambini è peggiorato di anno in anno. La colpa, però, la dà ai genitori, che secondo lui non si interessano del comportamento dei loro figli al ristorante e si arrabbiano quando qualcuno chiedere loro di controllare i loro bambini.

“Non c’è niente di discriminatorio”, ha aggiunto il proprietario: “È un ristorante, non un parco giochi”.

Il divieto è arrivato dopo che un bambino ha rovinato l’arredamento del ristorante, distruggendo una cornice antica. Ma anche prima di questo fatto, diversi bambini si erano resi responsabili di macchie, tovaglie rovinate e bevande spante a terra: “Siamo arrivati semplicemente al punto in cui ci siamo detti che non potevamo più andare avanti così”, spiega Markl.

Ora, il proprietario dice che il divieto non è costato loro un danno d’immagine, anzi: la maggior parte dei commenti sul profilo Facebook del ristorante sono molto positivi, e Markl ha raccontato di aver ricevuto più di mille e-mail di supporto, soprattutto da persone che lavorano nella ristorazione o nel mondo dell’educazione.

Alcuni proprietari di altri ristoranti gli hanno anche detto che prenderanno ispirazione per regole simili.

L’uomo ha però ricevuto anche qualche minaccia di morte da parte di “certe persone pazze”. Già nel 2012, un café hipster di Berlino che aveva implementato una politica “childfree” era stata investita dalle polemiche.

Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Gossip / Franco Oppini, la confessione hot: “Il mio segreto con Ada Alberti? Facciamo l’amore otto ore al giorno”
Gossip / Gli insulti alla moglie italiana di Morata dopo la partita contro la Spagna
Gossip / “Can Yaman furioso”, “Diletta Leotta lo trattiene”: cos’è successo davvero in Turchia | VIDEO
Gossip / Massimo Boldi è di nuovo innamorato, lei ha 34 anni di meno: “Mi sfugge, si ritrae”
Gossip / Amedeo Goria e la fidanzata Vera Miales: “Facciamo l’amore 5 volte al giorno”
Gossip / La compagna del virologo Pregliasco: “Totalmente contraria al fatto che vada in tv, gli dico che è un pirla”
Gossip / Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme: il video del bacio
Gossip / Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, fa coming out: “Sono bisessuale”
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Gossip / “Me sto a sentì male”, la reazione della fidanzata di Damiano per la vittoria all’Eurovision