Covid ultime 24h
casi +16.079
deceduti +136
tamponi +170.392
terapie intensive +66

Presepe | Natale | Significato | Consigli | Fai da te | Personaggi | Artigianali

Di TPI
Pubblicato il 6 Gen. 2019 alle 09:00 Aggiornato il 24 Dic. 2019 alle 12:11
0
Immagine di copertina

Presepe | Natale | Significato | Consigli | Fai da te | Personaggi | Artigianale

Il presepe è una rappresentazione della nascita di Gesù, che ha avuto origine da tradizioni medievali.

Le prime fonti per la raffigurazione del presepe sono i 180 versetti dei Vangeli di Matteo e di Luca, cosiddetti “dell’infanzia”, che riportano la nascita di Gesù avvenuta al tempo di re Erode, a Betlemme di Giudea.

Molti elementi del presepe, però, derivano dai Vangeli apocrifi e da altre tradizioni, come il protovangelo di Giacomo.

Il presepe tradizionale è una complessa composizione plastica della Natività di Gesù Cristo, allestita durante il periodo natalizio. Vi compaiono tutti i personaggi e i luoghi della tradizione: la grotta o la capanna, la mangiatoia dov’è posto Gesù bambino, San Giuseppe, Maria, i magi, i pastori, le pecore, il bue e l’asinello e gli angeli.

La statuina di Gesù Bambino viene collocata nella mangiatoia alla mezzanotte tra il 24 e il 25 dicembre, mentre le figure dei magi vengono avvicinate ad adorare Gesù nel giorno dell’Epifania (6 gennaio).

Esiste anche un altro modo per allestire il presepio: si tratta del presepe vivente, in cui agiscono persone reali.

Presepe | Quando farlo

Per tradizione il presepe viene allestito l’8 dicembre (l’immacolata), per poi venir rimosso dopo il 6 gennaio (Epifania).

Presepe | Simbologia

Il presepe è una rappresentazione ricca di simboli. Alcuni di questi provengono direttamente dal racconto evangelico. Altri elementi appartengono ad una iconografia propria dell’arte sacra: Maria ha un manto azzurro che simboleggia il cielo, San Giuseppe ha in genere un manto dai toni dimessi a rappresentare l’umiltà.

Molti particolari scenografici nei personaggi e nelle ambientazioni del presepe traggono inoltre ispirazione dai Vangeli apocrifi e da altre tradizioni.

Il bue e l’asinello, ad esempio, simboli immancabili di ogni presepe, derivano dal cosiddetto protovangelo di Giacomo e da un’antica profezia di Isaia.

La stalla o la grotta in cui nacque il Messia non compare nei Vangeli canonici. In ogni caso a Betlemme la Basilica della Natività sorge intorno a quella che è indicata dalla tradizione come la grotta ove nacque Cristo e anche quest’informazione si trova nei Vangeli apocrifi. Tuttavia, l’immagine della grotta è un ricorrente simbolo mistico e religioso per molti popoli soprattutto del settore mediorientale.

Presepe | Consigli | Fai da te

Ogni anno milioni di persone si cimentano nella creazione del proprio presepe. C’è che si la cava con poco, a volte pochissimo (due o tre statuine messe su un tavolo), chi – invece – ci dedica tanto tempo e passione.

Consigli. Se volete realizzare il vostro presepe in casa, dovete avere bene in mente quello che desiderate ottenere (lo stile da utilizzare, i personaggi, la disposizione, l’ambiente (rurale, cittadino, medievale…)) ben prima di iniziare.

Insomma, in primis: spazio alla fantasia. Poi si consiglia di tirare giù un progetto preliminare in cui fissare le idee. Ad esempio: quanti piani fare, chi mettere in primo piano, chi in secondo, che sfondo usare, quali pezzi usare e così via.

Infine, si passerà alla pratica vera e propria: il posizionamento del tutto (case, personaggi ecc).

Vi sentite invece pronti e in grado di costruirvi da soli case, grotte e personaggi? In questo caso vi consigliamo qualche tutorial ad hoc. Eccoli:

Presepe | Natale | Artigianali più antichi

In Italia c’è una tradizione antichissima. Sono tantissimi i presepi di valore artistico, culturale presenti nel nostro paese. Ne citiamo alcuni, i più antichi.

Il presepe della Basilica di Santo Stefano a Bologna. Si tratta del più vecchio presepe con statuine presente in Italia. La costruzione dei personaggi risulta avvenuta presumibilmente nell’ultimo decennio del XIII secolo. Il presepe risultava senza colore fino al 1370.

Il presepe della basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. Datato 1289, opera di Arnolfo di Cambio. Le statuine sono altorilievi in pietra.

Il presepe di San Giovanni a Carbonara a Napoli. Figure in legno e la presenza di profeti e sibille della fine del Quattrocento.

Il presepe del Duomo di Modena. Si tratta di un presepe del 1527 con figure ispirate all’arte classica e dalla composizione scenografica.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.