Me

Notte di San Lorenzo 2019: le frasi più belle e le dediche per la serata delle stelle cadenti

Di Antonio Scali
Pubblicato il 10 Ago. 2019 alle 08:40 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:05
Immagine di copertina

Notte di San Lorenzo 2019: le frasi più belle e le dediche per la serata delle stelle cadenti

Come ogni anno arriva una delle notti più attese dell’estate, quella di San Lorenzo. Un evento molto atteso, da trascorrere con il naso all’insù per assistere allo spettacolo delle stelle cadenti, ed esprimere qualche desiderio. Un appuntamento romantico, da vivere magari con il proprio partner. Un’occasione ideale anche nel 2019, quindi, per dedicare delle frasi, aforismi e citazioni emozionanti alle persone che vi stanno più a cuore.

Ma quando è la notte di San Lorenzo 2019? Qual è la data? Come sempre la festa di San Lorenzo capita il 10 agosto, che quest’anno è un sabato. Per la religione cattolica, infatti, si celebra il ricordo di San Lorenzo, un importante martire.

Tutto quello che c’è da sapere sulla Notte di San Lorenzo 2019

Per ammirare le stelle cadenti, però, la data di San Lorenzo 2019 è di fatto indicativa: essendo un evento astronomico, infatti, il momento migliore è il 12 e il 13 agosto intorno alle ore 22 e anche fino a Ferragosto.

Come da tradizione, la note di San Lorenzo è un’occasione per esprimere i propri desideri, sperando si avverino. Ecco allora una delezione delle migliore frasi e citazioni da dedicare per la ricorrenza del 10 agosto 2019.

Gli eventi da non perdere per la notte di San Lorenzo 2019

Notte di San Lorenzo 2019 frasi e dediche da condividere

Ecco allora una raccolta di frasi e dediche per la notte di San Lorenzo 2019: citazioni tra le più belle da condividere con la persona amata, in attesa di assistere allo spettacolo delle stelle candenti, che secondo la tradizione sarebbero le lacrime del Santo.

  • “Una volta fiammeggiai nel cielo, lasciando scie di fiamme; Sono caduto sulla terra, e qui mento – Chi mi aiuterà di nuovo? – Una stella cadente” – Johann Wolfgang von Goethe
  • “La notte non dice a se stessa: “Arriva una stella cadente per interrompere la mia pace!” – Daniel Odier
  • “Non morirò, tornerò a casa come una stella cadente” – Sojourner Truth
  • “Sei una stella cadente che attraversa il cielo, con nella sua scia una traccia di scintille” Michael Grant
  • “Guglielmo poi si mise a guardare in alto. Quante stelle! Quanti mondi lontani e sconosciuti! Gli aveva detto una volta Don Mario che le stelle sono milioni di volte più grandi della Terra. Erano anch’esse abitate? C’erano anche lassù il lavoro, la sofferenza, la morte, il dolore?” – Carlo Cassola

Notte San Lorenzo 2019 | E ancora

  • “Per favore, non preoccupatevi tanto. Perché alla fine, a nessuno di noi è dato soggiornare a lungo su questa Terra. La vita è fugace e se per caso sarete in difficoltà, alzate lo sguardo al cielo d’estate con le stelle sparpagliate nella notte vellutata. Quando una stella cadente sfreccerà nell’oscurità della notte, trasformando la notte in giorno con il suo bagliore, esprimete un desiderio e pensate a me. Fate che la vostra vita sia spettacolare. Io so di averlo fatto”. – Robin Williams
  • “Le stelle cadono senza far rumore per non svegliarci” – Roberto Gervaso
  • “Gli amori estivi finiscono per i motivi più disparati, ma di solito hanno tutti un elemento in comune: sono stelle cadenti, un attimo di splendore luminoso nel cielo, un lampo fugace di eternità che in un istante svanisce” – Nicholas Sparks

notte di san lorenzo 2019

Notte di San Lorenzo 2019 frasi | Le poesie

Anche alcuni tra i più grandi poeti hanno dedicato alcune loro poesie alla notte di San Lorenzo. Ecco i versi più belli:

“Ci manca, non perché vediamo” di Emily Dickinson 
Ci manca, non perché vediamo –
L’Assenza di uno Sguardo –
Se la sua Mente accompagna
Riduce la Società

Lieve come il Percorso delle Stelle –
Noi – addormentati giù in basso –
Sappiamo che i loro Sguardi superiori
Ci includono – mentre vanno –

Notte San Lorenzo 2019 | E ancora

“La stella cadente” di Trilussa
Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d’agosto tanto belle
ch’er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
ad ognuna che casca penso spesso
a le speranze che se porta appresso.

Dalla “Divina Commedia” di Dante Alighieri
salimmo sù, el primo e io secondo,
tanto ch’i’ vidi de le cose belle
che porta ‘l ciel, per un pertugio tondo.

E quindi uscimmo a riveder le stelle.