Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Gucci contro le leggi anti-aborto: uteri ricamati sui vestiti di lusso

Di Maria Elena Gottarelli
Pubblicato il 30 Mag. 2019 alle 17:34 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:40
2
Immagine di copertina
La campagna di Gucci contro le leggi anti-aborto

Gucci abiti aborto uteri | Moda e femminismo: due concetti che il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, ha deciso di coniugare con un’originalissima collezione di abiti che mette all’onore la campagna contro le leggi restrittive sull’aborto.

“Le donne vanno rispettate e considerate libere di scegliere quello che vogliono per il proprio corpo. Anche se è la scelta più difficile, quella di interrompere una gravidanza”, ha dichiarato Michele facendo riferimento a quanto sta avvenendo in alcuni paesi degli Stati Uniti, dove l’Alabama ha recentemente approvato una legge ultra-restrittiva sull’aborto.

L’Alabama vieta l’aborto, anche in caso di incesto e stupro. La legge è stata firmata dalla governatrice Ivey

Gucci abiti aborto uteri | Di fronte a questa situazione, Gucci ha stupito tutti presentando sulla passerella dei Musei Capitolini un abito con un grande utero rosa che ricorda un fiore ricamato sul davanti. Il direttore creativo di Gucci ha tenuto a specificare che non si tratta di una scelta casuale, ma di un messaggio politico lanciato forte e chiaro:

Come funziona il diritto all’aborto nei vari paesi del mondo

“Noi che facciamo moda è come se avessimo delle antenne per quello che ci succede intorno. E l’utero delle donne, questo mistero che noi uomini possiamo immaginare, l’ho immaginato come un fiore. Interrompere una gravidanza non estirpa questo fiore”, ha spiegato.

Come erano i reggiseni negli anni Quaranta e Cinquanta

La foto che mostra come la moda discrimina le donne più formose

2
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.