Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Gossip

Gli 80 anni di Giorgio Gaber. Quanto è ancora attuale il Signor G.

Immagine di copertina

Nasceva ottant’anni fa, il 25 gennaio 1939 a Milano il grande cantautore, capace di raccontare la storia del paese, con il suo sguardo originale, eretico, indipendente.

Ci ha lasciati nel 2003, ma ad anni di distanza, vengono ancora organizzati concerti, musical e spettacoli teatrali in suo onore. Forse il suo genio è stato apprezzato troppo tardi, quando in Italia non abbiamo più intellettuali come lui.

Con la chitarra in mano e la sigaretta in bocca, la poesia e le parole erano sempre al centro. Gaber cantava di politica, di razzismo, di periferie, per questo i suoi brani sono ancora attualissimi.

Ma cosa avrebbe detto della situazione politica di oggi il Signor G?

Con questa alleanza Lega-movimento 5 Stelle il testo di Destra-sinistra acquisterebbe tutto un altro senso. La quota 100 sulle pensioni, diventerebbe un ironico monologo. Il tema immigrazione forse avrebbe stimolato nel cantautore una sonata sui naufragi in mare e sulle responsabilità dell’Europa e degli europei. E l’esplosione virale dei social network? Ci vorrebbe una rivisitazione di Quando è moda è moda.

Gaber era solito parlare anche di amministrazione e burocrazia, in opposizione alla fantasia. Il reddito di cittadinanza sarebbe finito sicuramente tra i suoi bersagli.

Il Signor G sarebbe stato ispirato (purtroppo) dal populismo dilagante, dai diritti umani violati nei confronti dei rifugiati, dalle strane alleanze politiche che sta sperimentando l’Europa di oggi.

Un valore guidava sempre il suo lavoro: la libertà. Nel 1970 dà vita ad un coraggiosissimo esperimento, il teatro canzone e scrive “La libertà non è star sopra un albero. Non è neanche il volo di un moscone. La libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione”. Anche questi versi sembrano scritti l’altro ieri, in un momento in cui la partecipazione è quella da tastiera, e l’informazione e l’impegno civile renderebbero tutti più liberi.

 

Leggi anche: “Cinque canzoni per ricordare Giorgio Gaber”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Il dettaglio che incastra Belen: così la showgirl spia l’ex Spinalbese
Gossip / Chanel Totti vittima degli haters: “Sembri una 30enne, fai impressione”
Gossip / Fedez torna a parlare della sua malattia: “Sto seguendo le cure necessarie. Con Chiara nessun reality”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Il dettaglio che incastra Belen: così la showgirl spia l’ex Spinalbese
Gossip / Chanel Totti vittima degli haters: “Sembri una 30enne, fai impressione”
Gossip / Fedez torna a parlare della sua malattia: “Sto seguendo le cure necessarie. Con Chiara nessun reality”
Gossip / Elisa Esposito, la prof di corsivo sbarca su OnlyFans: “Le foto sexy? I miei genitori mi supportano”
Gossip / La confessione di Giulia De Lellis dopo la visita: “Disagio che vivo da quando sono piccola”
Gossip / Il pranzo in famiglia di Ilary Blasi: a tavola c’è anche il cugino di Francesco Totti
Gossip / Aurora Ramazzotti, compleanno rovinato: ecco cosa è successo
Gossip / L’ex calciatore Adriano sparisce per due giorni: la moglie lo lascia dopo appena 24 giorni di matrimonio
Gossip / “Siete solo donnette”: Chiara Nasti e il commento al vetriolo sui social
Gossip / Sonia Bruganelli: “Io e Paolo Bonolis non prendiamo neanche il caffè insieme”