Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Gossip

Feltri: “Frocio, terrone e negro non sono termini dispregiativi. Il politicamente scorretto è una cosa di sinistra”

Immagine di copertina

Fedez intervista Vittorio Feltri: “Frocio e negro non sono dispregiativi”

Il direttore di Libero, Vittorio Feltri è stato intervistato da Fedez nel suo nuovo programma Muschio Selvaggio, condotto insieme all’amico e youtuber Luis Sal. Durante la sesta puntata del podcast il cantante e il direttore hanno parlato di giornalismo e politica, infibulazione ma anche di cani e di gatti.

Commentando insieme alcuni dei titoli più eclatanti delle prime pagine della storia di Libero, come il recente Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay” il direttore ha commentato: “Fro*io, terrone e ne*ro non sono termini dispregiativi. Non capisco perché la gente si indigni: i ne*ri li abbiamo sempre chiamati ne*ri. Il politicamente corretto è uno stato d’animo che la sinistra ha contribuito a diffondere”. Feltri continua” Un tempo erano tutti politicamente scorretti, poi non so cosa è successo nella testa della gente. Oggi il politicamente corretto è il conformista”.

Non è la prima volta che Feltri sostiene che la parola fro*io non sia un insulto. Il direttore infatti nel novembre 2019 aveva già avuto un acceso dibattito con Vadimir Luxuria durante una puntata del programma condotto da Barbara D’Urso, Domenica Live. “I termini fro*io, ri**hione, cula**one sono battute che possono anche strappare delle risate ma sono un insulto” ha sostenuto anche quella volta a Canale 5.

Continuando con i commenti dei titoli del suo giornale Feltri davanti al titolo “Comandano i terroni”, afferma: “la gente si scandalizza per la parola terroni, se avessimo scritto gente del sud nessuno avrebbe detto niente”.

In accordo con Feltri anche Luis Sal che afferma “La malizia è negli occhi di chi legge”. Infine, aggiunge il direttore parlando delle numerose querele ricevute sia come singolo giornalista che come giornale, che “i titoli di Libero non sono fatti per piacere ma per interessare. Poi se fanno scandalo ben venga, almeno facciamo qualcosa di utile”.

Leggi anche:
Vittorio Feltri a Live Non è la d’Urso: “Fro*io non è un’offesa”, e poi lascia lo studio
Titolo omobofo di Libero, Di Maio: “Gli tagliamo i fondi”. Feltri: “Governo non può censurarci”
Ti potrebbe interessare
Gossip / Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi, addio definitivo: “Si sono lasciati”
Gossip / Noemi Bocchi scoppia in lacrime dopo una brutta lite al ristorante con Francesco Totti
Gossip / Francesco Totti e Noemi Bocchi: iniziato il trasloco nella nuova casa a Roma Nord
Ti potrebbe interessare
Gossip / Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi, addio definitivo: “Si sono lasciati”
Gossip / Noemi Bocchi scoppia in lacrime dopo una brutta lite al ristorante con Francesco Totti
Gossip / Francesco Totti e Noemi Bocchi: iniziato il trasloco nella nuova casa a Roma Nord
Gossip / Il dettaglio che incastra Belen: così la showgirl spia l’ex Spinalbese
Gossip / Chanel Totti vittima degli haters: “Sembri una 30enne, fai impressione”
Gossip / Fedez torna a parlare della sua malattia: “Sto seguendo le cure necessarie. Con Chiara nessun reality”
Gossip / Elisa Esposito, la prof di corsivo sbarca su OnlyFans: “Le foto sexy? I miei genitori mi supportano”
Gossip / La confessione di Giulia De Lellis dopo la visita: “Disagio che vivo da quando sono piccola”
Gossip / Il pranzo in famiglia di Ilary Blasi: a tavola c’è anche il cugino di Francesco Totti
Gossip / Aurora Ramazzotti, compleanno rovinato: ecco cosa è successo