Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Federico Zampaglione contro Fedez: il leader dei Tiromancino lo chiama “clown”

Il leader dei Tiromancino attacca il rapper milanese su Twitter

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 3 Feb. 2019 alle 20:23 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 08:31
0

Nel video la risposta di Fedez a Zampaglione.

Su Twitter va in scena un duello a colpi di cinguettii tra due stelle della musica nostrana: Federico Zampaglione – frontman dei Tiromancino – e Fedez. I due non se le mandano di certo a dire.

A cominciare è stato il leader della band romana, Zampaglione, che su Twitter scrive un post sarcastico su un certo artista che starebbe ricevendo delle vere e proprie batoste per l’ultimo album. Non fa nomi, Zampaglione, ma, a giudicare da quello che è scaturito da quel tweet, pare proprio che il destinatario del tweet fosse il rapper milanese.

“Mi viene da ridere leggendo recensioni su recensioni che stroncano l’ ex idolo (clown) di turno… Quando da instagram devi portare le tue chiappe in uno studio e registrare musica e parole ..CONVINCENTI.. è tutta un’altra storia e qualcuno lo sta capendo bene”, scrive Zampaglione, tramite il profilo ufficiale della sua band.

Immediata la risposta del rapper milanese, che si sente tirato in ballo dalle parole del musicista romano: “Anche a me viene da ridere pensa un po’. Quindi, per essere veri artisti, devo fare tweet dove elargisco sentenze sui dischi degli altri? Meglio essere un clown, c’è più dignità”.


Ma non finisce qui. I due, infatti, continuano a battibeccare senza pietà e così Zampaglione risponde ancora a Fedez: “Nel mio tweet non c’era un nome né un riferimento preciso a nessuno. C’era la parola CLOWN e moltissimi di voi spontaneamente hanno messo un nome ben preciso vicino alla parola CLOWN/PAGLIACCIO. Ebbene, se in così tanti avete fatto quel nome… Fatevi due domande sul xché!”.


Non contento del mezzo utilizzato, Fedez preferisce affidare la sua ultima risposta al suo social preferito: Instagram. E così il rapper milanese pubblica una storia in cui spiega per quale motivo non si sentirà toccato dalle parole velenose di Federico Zampaglione: “Ho un sacco di recensioni di merda per questo disco ma non sono affatto preoccupato perché nessuno dei miei dischi sotto major è mai stato recensito bene. Quando arriverà il giorno in cui mi recensiranno bene un disco, inizierò a preoccuparmi”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.